Tonno in scatola, occhio alle controindicazioni: fa male? La risposta non è scontata

Occhio alle controindicazioni! Mangiare tonno in scatola fa male? Entriamo quindi nei dettagli per vedere tutto quello che c’è da sapere in merito.

mangiare tonno
Foto © AdobeStock

A partire dalla pizza fino ad arrivare alla pasta, passando per i dolci, sono davvero tanti gli alimenti in grado di soddisfare i palati sia degli adulti che dei bambini. Disponibili in commercio con confezioni di varie forme e dimensioni, in effetti, abbiamo solamente l’imbarazzo della scelta. Allo stesso tempo si invita sempre a prestare la massima attenzione alle caratteristiche stesse del cibo che mangiamo.

Questo al fine di evitare di dover fare i conti con possibili inconvenienti. Sugli scaffali dei supermercati, d’altronde, è possibile trovare tanti prodotti all’apparenza identici, ma che nella realtà dei fatti non lo sono. Proprio in tale ambito, pertanto, sorge spontanea una domanda: mangiare del tonno in scatola fa male? Entriamo quindi nei dettagli per vedere tutto quello che c’è da sapere in merito.

Pasta, stangata in arrivo: preoccupante aumento dei prezzi

Tonno in scatola, occhio alle controindicazioni: tutto quello che c’è da sapere

Qualche tempo fa abbiamo visto assieme la classifica delle migliori marche di tonno in scatola. Oggi, invece, ci soffermeremo sulle controindicazioni di questo alimento, tanto da portare in molti a chiedersi: “mangiare il tonno in scatola fa male?“. Ebbene, bisogna sapere che non è possibile dare una risposta a priori in tal senso, in quanto dipende dal tipo di prodotto che acquistiamo e anche dalla presenza o meno di patologie nel soggetto che decide di mangiare un certo tipo di alimento

Proprio in tale ambito, pertanto, è bene ricordare che come tutti i cibi in scatola è bene evitare una consumazione eccessiva. Questo in quanto presentano una percentuale particolarmente elevata di sale, al fine di evitare che il cibo si deteriori velocemente. Se tutto questo non bastasse, il pesce in scatola potrebbe anche contenere dei livelli molto alti di metalli pesanti rispetto al prodotto fresco.

Tonno in scatola, fa male? Ecco a cosa prestare attenzione

Il suggerimento, pertanto, è quello di non consumare troppi cibi in scatola. Nel caso del tonno, ad esempio, è consigliabile consumare solo una o due scatole piccole a settimana. Allo stesso tempo, inoltre, vi sono alcuni casi in cui si sconsiglia di mangiare il tonno in scatola. In particolare è opportuno chiedere un parere del medico, prima di consumare tale alimento, durante la gravidanza o l’allattamento. Ma non solo, è opportuno chiedere un parere del medico anche nel caso in cui si soffra di disturbi epatici o iperurucemia.

Ricordiamo, inoltre, che il tonno in scatola presenta mercurio e anche delle purine. Quest’ultime potrebbero diventare la causa di alcuni danni nel caso in una persona soffra di alcune patologie. Allo stesso tempo, è bene sottolineare, non bisogna creare alcuna forma di allarme. Il tonno, infatti, si rivela essere un valido sostituto del tonno fresco.

L’importante è leggere bene le etichette in modo tale da sapere cosa mangiamo. Un consiglio, quest’ultimo, che in effetti vale per tutti gli alimenti. In caso di dubbio, inoltre, soprattutto nel caso in cui ci si ritrovi alle prese con alcune patologie, è possibile chiedere il parere del proprio medico.

Tonno in scatola, gli innumerevoli vantaggi di questo alimento

Mangiare il tonno in scatola, quindi, di per sé non fa male. L’importante è, come sempre, non esagerare e prestare maggior accortezza in presenza di determinate patologie. Presente in quasi tutte le case, d’altronde, il tonno in scatola si rivela essere la soluzione giusta per chi desidera mangiare qualcosa di buono e veloce.

Cibo, prezzi in preoccupante aumento: scenario da incubo

Pronto da mangiare e a lunga conservazione, si rivela essere inoltre il valido alleato delle diete ipocaloriche, in quanto contiene poche calorie, grassi buoni e tante proteine. Innumerevoli, quindi, i vantaggi di cui è possibile beneficiare mangiando del tonno scatola. L’importante, come già detto, è non esagerare e leggere bene l’etichetta.