Rate del mutuo, l’incubo di non riuscire a pagarlo: tre strade verso la salvezza

Le difficoltà nel versare le rate del mutuo possono essere superate scegliendo tra surroga, rinegoziazione e Fondo di Solidarietà.

rate del mutuo difficoltà pagarle
Adobe Stock

Richiedere un mutuo è spesso l’unica strada percorribile per acquistare un immobile. Le banche erogano il denaro necessario e il cliente si impegna a restituire il debito con rate mensili dall’importo fisso o variabile. La somma che mensilmente dovrà essere corrisposta sarà determinata dallo stipendio del richiedente – il rapporto tra rata e retribuzione è pari al 30/35% – e dalla durata del piano di ammortamento. Può capitare, però, che a causa di un periodo di difficoltà economica, di perdita del lavoro oppure di riduzione del monte ore lavorativo non si riesca a corrispondere quanto dovuto. Le soluzioni possibili al problema sono tre e consentiranno di non risultare inadempiente subendo, poi, le conseguenze del mancato pagamento.

Mutuo, è il momento giusto? Come sta cambiando il mercato immobiliare

Rate del mutuo, risolvere le difficoltà nel pagamento con la surroga

Nel momento in cui ci si rende conto che a breve si potrebbero avere delle difficoltà a versare le rate del mutuo, si potrebbe chiedere la surroga. Questo strumento consente di spostare il finanziamento presso un altro istituto di credito che offre condizioni migliori e più vantaggiose. La banca di appartenenza è obbligata ad acconsentire al passaggio e l’intera operazione sarà gratuita. La spinta al cambiamento può essere data da interessi più bassi, dalla possibilità di sospendere i pagamenti in caso di necessità o di spostare una rata alla fine del piano di ammortamento, da maggiore flessibilità oppure da un importo mensile più basso.

Rate del mutuo non pagate: quando le ripercussioni della banca non sono valide

La rinegoziazione, una strada verso la salvezza

Se non si riescono a pagare le rate del mutuo è possibile tentare di chiedere alla banca una rinegoziazione delle condizioni. L’istituto di credito valuterà la domanda solo dopo che il cliente avrà presentato solide garanzie come la presenza di un garante, nuovi redditi o nuove entrate determinate da rendite alternative (un affitto, una pensione, o redditi da capitale).

La pratica della rinegoziazione è gratuita e andrà a toccare il tasso di interesse, lo spread, la tipologia di contratto (mutuo fisso o variabile) e la durata del piano di ammortamento.

Fondo di Solidarietà per pagare le rate del mutuo

Il Ministero dell’Economia e della Finanza gestisce un fondo denominato Fondo di sospensione mutui per l’acquisto della prima casa. Facendo domanda alla propria banca sarà possibile accedere al fondo in modo tale da ottenere una sospensione dei pagamenti da 6 mesi a 18 mesi. Le condizioni di accesso sono la cessazione di un rapporto di lavoro, la sospensione del lavoro per minimo trenta giorni, l’insorgenza di un grave handicap oppure della non autosufficienza e la riduzione dell’orario di lavoro per un lasso temporale minimo di trenta giorni.