Bollette luce e gas, la prescrizione: il pagamento diventa un lontano ricordo

Le bollette di luce e gas vanno in prescrizione. Ottima notizia per chi ha dimenticato alcuni pagamenti ma quali sono le tempistiche previste dalla Legge?

bollette luce prescrizione
Adobe Stock

La bolletta, una spada di Damocle sulle teste di tutti noi cittadini. Ultimamente, poi, con i rincari di luce e gas l’apertura della missiva diventa sempre più scottante e spaventosa. Si legge l’importo, la data di scadenza, si richiude la busta e si mette da parte in attesa del momento in cui pagarla. Può capitare che negli anni passati ci sia stata qualche dimenticanza e che qualche bolletta non sia stata pagata. Ebbene, le società fornitrici delle utenze domestiche hanno dei tempi prestabiliti entro cui richiedere il pagamento. Superando tale periodo, il pagamento va in prescrizione e non si sarà più obbligati a corrispondere quanto dovuto.

Bollette alle stelle per un banale errore: attenzione all’uso degli elettrodomestici

Bollette luce e gas, cosa prevede la Legge

Il Codice Civile stabilisce, in linea generale, che ogni diritto decade nel momento in cui non viene esercitato dal titolare entro il termine previsto dalla Legge. Tale direttiva prende il nome di prescrizione ed è una parola molto apprezzata dai contribuenti. Nel momento in cui un pagamento va in prescrizione, infatti, non dovrà essere più corrisposto.

L’affermazione del Codice Civile vale anche per le bollette di luce e gas. Se le società che forniscono l’utenza domestica non richiedono in tempo il versamento dell’importo dovuto, il contribuente sarà libero da ogni obbligo. Nello specifico, la prescrizione delle bollette avviene dopo due anni e non più cinque. E’ quanto stabilito dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA). La riduzione è stata introdotta nel 2018 e confermata nel 2020. Anche per le bollette dell’acqua il termine di prescrizione è di due anni mentre per le bollette telefoniche è di 5 anni.

Bollette luce e gas, un aiuto da 40 euro al mese: come richiedere la card del risparmio

Attenzione ai dettagli

I termini di prescrizione di due anni per le bollette di luce e gas sono in riferimento alle bollette emesse a partire dal 1° marzo 2018. Tutte quelle antecedenti a tale data, invece, prevedono un termine di prescrizione di 5 anni. Occorre sapere, poi, che se nel periodo di prescrizione la società fornitrice dell’utenza ha inviato un sollecito di pagamento, il termine viene interrotto e il conteggio dei due o cinque anni riparte dalla data di notifica del sollecito stesso.

Come inviare un reclamo

Nel caso in cui venga richiesto il pagamento di una bolletta caduta in prescrizione sarà possibile presentare un reclamo. Il contribuente potrà contestare la richiesta inviando una Pec, una raccomandata con ricevuta di ritorno oppure contattando il call center del Servizio Clienti.