Le mascherine Ffp2 stanno assumendo un ruolo ancor più importante in questa fase. Gli esperti però sconsigliano determinate azioni nel momento in cui le utilizziamo 

Mascherine Ffp2
Fonte Adobe Stock

Le nuove disposizioni hanno portato ad un maggior utilizzo della mascherina Ffp2, senza la quale non si può entrare in diversi luoghi pubblici. Quindi almeno per un po’ dovremo abituarci a tenerla a portata di mano.

A ciò però bisogna aggiungere un corretto uso, senza il quale vengono vanificati tutti gli sforzi. A tal proposito è molto importante la guida ideata dal professor Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene all’Università Statale di Milano.

Mascherine FFP2, accordo sui prezzi: ecco quanto costeranno

Mascherine Ffp2 istruzioni per il corretto utilizzo

La prima regola da seguire è che le suddette mascherine devono coprire interamente naso e bocca. Dopo 6-8 ore di utilizzo vanno gettate. Non sono dei dispositivi di protezione riutilizzabili. Inoltre non è consentito “ripristinarle” spruzzandoci sopra del disinfettante e poi metterle a seccare all’aria aperta.

Iniziative del genere rischiano di avere l’effetto opposto. Insomma, dopo una giornata al massimo vanno necessariamente cestinate. Altro dettame da tenere a mente riguarda il modo di maneggiare le mascherine. Vanno sempre prese dagli elastici per evitare la contaminazione dalla parte esterna nel caso ci fosse stata un’esposizione al virus. 

Per il medesimo motivo non va mai messa in tasca o appoggiarla sul tavolo dove si magia. La soluzione migliore è riporla in una bustina e poi procedere con il lavaggio delle mani. Dunque, visto che sulle mascherine potrebbero esserci delle tracce di covid, secondo Pregliasco bisogna assolutamente evitare di salutare le persone baciandole sulla guancia. Si rischia di “spalmare” il patogeno sulla guancia della persona a cui è stata fatta la carineria.

Mascherine Ffp2 obbligatorie, ma quanto costano? Ognuno dice la sua

Seguendo queste disposizioni, la mascherina Ffp2 diventa uno strumento di protezione molto efficace. Si abbatte la possibilità di contagio anche a brevi distanze a prescindere dal luogo in cui ci trova (aperto o chiuso che sia).

Quindi, rispetto alla mascherina chirurgica si aumenta e non di poco il livello della propria sicurezza. A prescindere da ciò resta l’importanza della distanza, che va tassativamente rispettata.