A fine gennaio entrerà in vigore la nuova regolamentazione per stoppare le chiamate indesiderate. Ecco come funzionerà 

Chiamate indesiderate
Fonte Adobe Stock

Ricevere chiamate indesiderate per fini pubblicitari è ormai un classico. Almeno un paio di volte al giorno capita a tutti di doversi districare tra varie telefonate non propriamente piacevoli.

Per evitare di ritrovarsi spesso in situazioni del genere ci si può avvalere del Registro delle opposizioni. Si tratta di un elenco gestito del Ministero dello Sviluppo Economico dove ogni cittadino può registrare il proprio numero per dichiarare di non voler ricevere più telefonate per scopi commerciali o di ricerche di mercato.

WhatsApp, il metodo infallibile per dire addio alle chiamate indesiderate

Chiamate indesiderate: la nuova regolamentazione per ampliare il registro delle opposizioni

Ed è proprio questo servizio che a partire dalla fine di gennaio (o al massimo ad inizio febbraio) darà ancora più manforte al popolo del Bel Paese. Sarà infatti ampliato a tutte le numerazioni telefoniche, compresi i cellulari. A darne notizia è il deputato Simone Baldelli presidente della Commissione parlamentare sulla tutela dei consumatori.

Nello specifico il provvedimento consentirà l’annullamento di tutti i consensi pregressi rilasciati per finalità di telemarketing e sancirà inoltre il divieto di cessioni a terzi dei dati personali, a prescindere dalla fonte dei contatti che usano gli operatori.

Quest’ultimi prima di procedere con le proprie campagne pubblicitarie, dovranno tassativamente consultare il nuovo Registro delle opposizioni per verificare i numeri da chiamare. 

Le società di telemarketing che si renderanno protagoniste di trasgressioni in tal senso si vedranno comminate delle sanzioni amministrative che possono arrivare nei casi più gravi anche a 20 milioni di euro. In altre circostanze si applica invece una contravvenzione pari al 4% del fatturato totale annuo dell’esercizio precedente.

Troppe chiamate dai call center? Ecco la soluzione per stare tranquilli

Ma cosa bisogna fare per richiedere l’iscrizione, l’aggiornamento o la revoca dal Registro? Esistono 4 modalità per farlo, eccole nello specifico:

  • Compilando l’apposito modulo elettronico sul web,
  • chiamando il numero verde Rpo 800 265 265),
  • Inviando il modulo tramite email all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it, 
  • Raccomandata.

L’operatore telefonico che fa uso dei dati presenti negli elenchi telefonici pubblici è tenuto a registrarsi e a verificare il Rpo, comunicando la lista dei numeri che intende contattare.