Ormai è deciso, Tim ha deciso di lasciarsi alle spalle la tecnologia 3G. Vediamo quando ci sarà l’addio definitivo e quali saranno le conseguenze per i clienti

3G
Fonte Adobe Stock

Era già ampiamente annunciata, ma adesso è praticamente ufficiale: il 3G uscirà di scena dalle reti Tim. Non sarà però un passaggio brusco, il tutto avverrà in maniera graduale, anche per consentire ai clienti di adeguarsi.

Naturalmente l’obiettivo di questa mossa è quello di potenziare la rete 4G e in futuro anche quella 5G (con tutte le polemiche annesse e connesse). Sui canali menzionati infatti verranno dirottate le frequenze utilizzate fino ad oggi per offrire supporto alla tecnologia 3G.

Wind, Tim e Vodafone preparano la mazzata: gennaio amarissimo (quasi) per tutti

Tim, quando è previsto l’abbandono del 3G: la data designata

Proprio in questi giorni Tim sta informando i clienti circa la data della grande svolta che come detto non sarà fissa. Il processo di switch off inizierà a partire da aprile 2022.

Si tratta comunque di un cambiamento non propriamente radicale visto che in tanti già da tempo si avvalgono di smartphone con connettività 4G. Chi invece era fedele al 3G dovrà appunto regolarsi di conseguenza sostituendo il proprio dispositivo mobile con uno più aggiornato e in grado di garantire la navigazione quanto meno in 4G.

Sarà comunque possibile ricevere ed effettuare chiamate e inviare e ricevere sms avvalendosi della rete 2G. Ciò però non basta al giorno d’oggi, dove la connessione viene prima di qualsiasi altro aspetto.

La modifica ovviamente non riguarda chi già si avvale delle tecnologie sopracitate con SIM maggiori o uguali a 128k. Il cambiamento interesserà anche l’operatore virtuale di Tim, Kena, sempre a partire dal medesimo periodo soprariportato.

La rete 3G è obsoleta, TIM è pronta a spegnerla: cosa comporterà a noi utenti

Insomma, nulla di così eclatante insomma. C’è tutto il tempo per regolarsi di conseguenza e di acquistare un nuovo telefono o per chi proprio non vuole sottostare a ciò, cambiare operatore. Una mossa che però potrebbe rivelarsi inefficace visto che anche gli altri gestori hanno intrapreso o probabilmente intraprenderanno il medesimo percorso di Tim.