Buone notizie con l’arrivo del nuovo anno che porta con sé un nuovo bonus Imu. Entriamo quindi nei dettagli per vedere chi ne ha diritto e cosa c’è da sapere in merito.

Imu bonus
Foto © AdobeStock

A partire dagli impegni di famiglia, passando per quelli lavorativi fino ad arrivare al tempo libero, sono davvero tante le cose a cui bisogna prestare puntualmente attenzione e che richiedono il nostro massimo impegno. Se tutto questo non bastasse, ci si ritrova spesso a dover mettere mano al portafoglio per sborsare il denaro necessario per pagare i vari beni e servizi di nostro interesse. Proprio in tale ambito, tra le voci che incidono maggiormente sul bilancio di ogni famiglia si annoverano le bollette e le imposte.

Tra queste è possibile annoverare ovviamente l’Imu che, ricordiamo, è un’imposta a livello comunale che deve essere pagata da tutti coloro che possiedono degli immobili. Ebbene, proprio soffermandosi sull’Imu interesserà sapere che, con l’arrivo del nuovo anno, è possibile beneficiare di un importante bonus. Ma chi ne ha diritto? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Reddito di cittadinanza senza Isee, importanti cambiamenti in vista: c’è chi rischia di perdere il sussidio

Imu, in arrivo nuovo bonus nel 2022: tutto quello che c’è da sapere

Qualche giorno fa abbiamo visto assieme come fare per non pagare il canone Rai nel 2022. Ebbene, sempre con l’arrivo del nuovo anno, iniziato ormai da qualche giorno, inoltre, è possibile beneficiare di un’altra importante misura, ovvero il cosiddetto bonus Imu. Ma chi ne ha diritto?

Ebbene, bisogna sapere che tale agevolazione è stata introdotta, in via sperimentale per il biennio 2022 – 2023, grazie alla Legge di Bilancio 2022. Si presenta, in pratica, come un contributo per il pagamento dell’imposta in questione a cui hanno diritto coloro che trasferiscono la propria attività in un comune a rischio spopolamento, ovvero con una popolazione fino a 500 abitanti delle aree interne.

Grazie a tale bonus, infatti, come è facile intuire, si intende favorire lo sviluppo turistico e contrastare l’abbandono dei territori. A tal proposito, inoltre, è bene sottolineare che il bonus Imu 2022 non riguarda gli immobili residenziali, ma solamente gli immobili strumentali. Quest’ultimi non sono altro che quelli posseduti e utilizzati per lo svolgimento della propria attività.

Tale contributo, inoltre, verrà erogato in base alle risorse disponibili che, al momento, sono pari a 10 milioni di euro l’anno. Per aver maggior informazioni in merito alle modalità attuative, comunque, bisogna attendere l’apposito decreto del Ministro della Cultura, con i ministri di Sviluppo economico, Economia e Interno.

Bonus Imu 2022, importanti novità per gli immobili pubblici in comodato

Per finire ricordiamo che, in base sempre a quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2022, i soggetti che possono usufruire del bonus Imu possono ricevere anche in comodato beni immobiliari pubblici, non utilizzati per fini istituzionale.

Carta da 40 euro al mese per pagare le bollette di luce e gas: la soluzione tanto attesa

In tale circostanza le varie spese, come ad esempio quelle di manutenzione, saranno in ogni caso a carico del comodatario. Una buona notizia, quindi, con l’arrivo del nuovo anno, per tutti coloro che potranno beneficiare del bonus Imu 2022, grazie al quale poter risparmiare un bel po’ di euro.