Buone notizie in arrivo per molte famiglie italiane che potrebbero a breve dire addio al canone Rai in bolletta e risparmiare 90 euro l’anno.

bolletta canone Rai
Foto © AdobeStock

Ormai la televisione è presente in quasi tutte le case, offrendoci la possibilità di attingere in modo facile e veloce ad informazioni di vario genere. A partire dalle notizie di attualità fino ad arrivare ai programmi di intrattenimento, in effetti, abbiamo l’imbarazzo della scelta. Al fine di poter vedere i vari canali, come noto, dobbiamo pagare il canone Rai. Quest’ultimo viene addebitato direttamente sulla bolletta dell’energia elettrica, rivelandosi in questo modo un valido strumento nella lotta contro l’evasione fiscale.

Ebbene, proprio soffermandosi sull’addebito in bolletta del canone Rai, bisogna sapere che si fa sempre più largo l’ipotesi di un possibile addio. Ma non solo, presentando apposita domanda, alcuni soggetti aventi diritto possono risparmiare fino a 90 euro l’anno. Ma come è possibile e chi può farne richiesta? Entriamo quindi nei dettagli per vedere come fare e tutto quello che c’è da sapere in merito.

Canone Rai, multa da 600 euro e incubo carcere: il gesto che potrebbe costarvi caro

Canone Rai, addio in bolletta dal 2023? Ecco cosa c’è da aspettarsi

Mentre torna a prendere piedi l’ipotesi di estendere il pagamento del canone a tutti i dispositivi elettronici, quali smartphone, tablet e pc, continua a destare particolare attenzione il possibile addio di tale voce dalla bolletta. Dopo aver promesso all’Europa di rimuovere “il requisito per i fornitori di riscuotere oneri non collegati al settore energetico“, dovremmo a breve assistere all’uscita del canone Rai dalla bolletta dell’energia elettrica.

In base agli accordi presi dall’Italia con il PNRR, ovvero il Piano di ripresa e resilienza, infatti, a partire dal 2023 dovremmo dire addio all’addebito in bolletta del canone Rai. Nel 2022, invece, tutto rimane così com’è. Non a caso, anche nel corso dell’anno appena iniziato ci ritroveremo a pagare sempre l’importo pari a 90 euro. Quest’ultimi spalmati nel corso dei primi dieci mesi dell’anno, ovvero da gennaio a ottobre del 2022.

Canone Rai, risparmiare 90 euro l’anno è possibile grazie all’esonero

In attesa di vedere se l’esecutivo attuerà o meno delle modifiche in merito all’addebito in bolletta del canone Rai; interesserà sapere che, in possesso di determinati requisiti, è possibile risparmiare 90 euro l’anno. Questo grazie all’esonero dal pagamento del canone in questione, per cui i soggetti aventi diritto devono provvedere a fare apposita richiesta entro il 31 gennaio 2022.

L’esonero, infatti, non avviene in modo automatico e per questo motivo le persone che non hanno alcuna televisione in casa devono provvedere ad inviare apposita autocertificazione all’Agenzia delle Entrate entro il giorno 31 del mese in corso. In questo modo è possibile beneficiare dell’esenzione dal canone Rai per tutto l’anno 2022 e risparmiare quindi 90 euro l’anno.

Nel caso in cui, invece, la richiesta venga presentata nel periodo compreso dal 1° febbraio al 30 giugno 2022, l’esenzione risulta valida solo per il semestre che va da luglio a dicembre dell’anno da poco iniziato. È possibile pertanto dedurre che chi ha già usufruito di questa agevolazione l’anno scorso rischia di perdere il diritto all’esenzione dal canone Rai e dover tornare a pagarlo nel caso in cui non provveda a effettuarne nuovamente richiesta.

Canone Rai, abolirlo è possibile: la verità che smaschera l’Italia

Oltre ai soggetti che non possiedono televisori in casa, è bene ricordare che hanno diritto all’esonero dal pagamento del Canone Rai anche coloro con più di 75 anni che dichiarano un reddito annuo proprio e del coniuge inferiore a 8 mila euro lordi l’anno.