Abbassare l’ISEE nel 2022 è possibile se nel nucleo familiare sono presenti componenti con invalidità o disabilità. Scopriamo quali calcoli effettuare per ottenere un valore inferiore.

abbassare ISEE disabilità
Web

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente consente di conoscere la situazione patrimoniale e reddituale dei cittadini e, di conseguenza, permette di associare alle famiglie bonus e agevolazioni. Inoltre, nel 2022 è utilizzabile per poter richiedere l’Assegno Unico Universale ed ottenere un importo maggiore se si ha un valore ISEE basso. A concorrere nel calcolo dell’indicatore sono diversi elementi. I redditi di ogni componente della famiglia, le proprietà immobiliari, i titoli, le polizze assicurative, la giacenza media su conti e carte. Tanti piccoli fattori che sommati mostrano il quadro familiare dal punto di vista economico. Nel caso in cui un componente del nucleo sia un invalido o una persona disabile, però, è possibile abbassare l’ISEE.

Assegno Unico, al via le domande: l’ISEE è necessario?

Abbassare l’ISEE se in famiglia c’è un disabile o un invalido

Abbassare l’ISEE è consentito nel caso in cui tra i componenti del nucleo familiare ci sia un soggetto con disabilità o invalidità dato che alcuni elementi non concorrono più al calcolo dell’Indicatore. Nello specifico, non dovranno essere considerati i trattamenti erogati per la disabilità non inclusi nel reddito Irpef – parliamo delle pensioni di invalidità, dell’indennità di frequenza, dell’indennità di accompagnamento e dell’indennità di comunicazione. Queste misure non sono considerate reddito aggiuntivo e, dunque, non verranno calcolate ai fini ISEE.

Altre indicazioni per ottenere un ISEE inferiore

La procedura di calcolo tiene conto di una maggiorazione del parametro della scala di equivalenza con riferimento alle proprietà immobiliari. Ciò significa che per ogni persona della famiglia con disabilità media, grave o non autosufficiente verrà aggiunta una maggiorazione pari allo 0,5%. In questo modo si potrà abbassare l’ISEE.

Legge 104, quando l’invalidità peggiora: ecco come chiedere una nuova visita

Inoltre, se il soggetto disabile o invalido è maggiorenne, non è coniugato, non ha figli e vive con i genitori, ai fini ISEE si considera il nucleo composto unicamente dalla persona con disabilità e, di conseguenza, si calcoleranno solo i redditi del soggetto in questione. In più, per abbassare l’ISEE occorre far riferimento alla DSU e all’indicazione nel modello della gravita della disabilità – media, non autosufficiente o grave – a cui corrispondono gradi con percentuali differenti assegnati dall’INPS.