Dichiarazione dei redditi, tutte le novità del 2022: scoprile con questi moduli

Modello 730, 770, Certificazione unica e Modello Iva. La dichiarazione dei redditi si rinnova da gennaio. E online sono già disponibili i modelli.

Fisco dichiarazioni redditi
Foto © AdobeStock

Anno nuovo, dichiarazione dei redditi nuova. Anzi, per la verità il modello dell’Agenzia delle Entrate per la compilazione del 730 non ha nemmeno aspettato il 2022, essendo già disponibile sul sito dell’ente, al pari delle bozze relative alla Certificazione Unica, al 770 e all’Iva. Qualche novità in arrivo in merito all’impostazione generale della dichiarazione, come il credito d’imposta sulla prima casa per gli under 36 con un Isee inferiore a 40 mila euro e altre agevolazioni. Fra queste, il trattamento integrativo a favore dei dipendenti, che conoscerà un aumento per chi ha un reddito complessivo fino a 28 mila euro. Previsto anche il cosiddetto Bonus musica.

Fra i nuovi ingressi spunta anche il Superbonus al 110% per i lavori sulle barriere architettoniche, oltre al bonus da 1.000 euro dedicato ai sistemi di filtraggio dell’acqua. Sulla nuova bozza delle Dichiarazioni dei redditi, trovano quindi spazio ulteriori misure a sostegno del lavoro. Così come l’indicazione circa la liquidazione anticipata della nuova Naspi. Importanti novità anche per il 770, dove si rinnova la gestione de credito e per l’inserimento dell’ID Arrangement per i transfrontalieri.

Dichiarazione dei redditi, come cambiano i nuovi modelli

Nel modello più utilizzato, il 730, per l’anno d’imposta 2021 entreranno in vigore gli aumenti da 1.200 euro del trattamento integrativo, destinati ai lavoratori dipendenti e agli assimilati con reddito complessivo non superiore a 28 mila euro. Spunta anche la detrazione ulteriore, prevista in modo decrescente per chi figura con un Isee fino a 40 mila euro. Per quanto riguarda il Bonus musica, si tratta di una detrazione fiscale riservata a chi iscrive i propri figli fra 5 e 18 anni a scuole per l’appunto di musica, conservatori e persino bande e cori. L’importo da portare in detrazione è fino a 1.000 euro in caso di redditi complessivi non superiori a 36 mila. Detto del nuovo credito d’imposta per l’acquisto della prima casa da parte degli under 36, interessante anche la possibilità del Superbonus per le barriere architettoniche. Nello specifico, l’aliquota maggiorata del 110% potrà essere destinata anche a interventi di abbattimento delle stesse, unitamente a Sismabonus ed Ecobonus.

LEGGI ANCHE >>> Dichiarazione redditi, meglio non tardare: ecco a cosa si va incontro

Per chi compila la Certificazione Unica, da trasmettere e rilasciare ai percipienti entro il termine del 16 marzo, spazio all’aumento fino a 609,50 euro della riduzione d’imposta per i dipendenti del comparto sicurezza. Per le cooperative di cui fanno parte lavoratori di aziende in comprovata condizione di difficoltà, saranno disposte agevolazioni sul Tfr. Così come in relazione alle prestazione dei Fondi di solidarietà bilaterale del credito ordinario. Poche novità per il 770, oltre all’indicazione dell’ID Arrangement per il meccanismo transfrontaliero, mentre il Modello Iva vedrà quale restyling per la dichiarazione dei redditi. L’aggiornamento apre a novità sull’applicazione dell’imposta: fra tutte, le percentuali di compensazioni per gli agricoltori, oltre a una nuova regolamentazione dell’Iva applicata nel settore dell’e-commerce.