Bonus senza ISEE, importo fino a 1.000 euro: pochi giorni e l’opportunità svanirà

Il Bonus senza ISEE del valore fino a 1.000 euro potrà essere richiesto entro la fine dell’anno dalle famiglie che desiderano rinnovare la propria casa.

euro bonus
Adobe Stock

Dicembre, ultimo mese dell’anno, è ricco di novità, conferme e pagamenti. Un mese pieno di eventi, di pensieri e cose da fare nonché di scadenze da rispettare. E’ prossimo, per esempio, il pagamento dell’IMU così come terminano entro il 31 dicembre alcuni dei Bonus attivati dal Governo per sostenere economicamente i cittadini e le loro famiglie. Tra le misure di cui approfittare troviamo alcune agevolazione pensate per consentire alle persone di rinnovare l’ambiente domestico rendendolo più accogliente, innovativo ed efficiente dal punto di vista energetico.

Una fine dell’anno all’insegna della casa

Un regalo di Natale apprezzato sarebbe poter attuare dei cambiamenti nella propria abitazione risparmiando sulle spese. Fortunatamente il Governo ha ideato dei Bonus che possono rappresentare proprio un gradito dono natalizio. Il riferimento, per esempio, è al bonus mobili ed elettrodomestici da abbinare ad opere di ristrutturazione edilizia. I cittadini potranno approfittare di una detrazione del 50% su una cifra massima di 16 mila euro. Significa poter spendere la metà del previsto e regalarsi un nuovo appartamento. Frigoriferi, lavastoviglie, stufe elettriche ma anche pezzi di arredamento sono inclusi nella misura e, dunque, nella detrazione che avverrà in dieci anni.

Leggi anche >>> Bonus con ISEE fino a 30 mila euro in scadenza: non gettiamo via un’opportunità

Bonus senza ISEE, fino a 1.000 euro per il Bonus Idrico

Un’opportunità da non perdere sul finire dell’anno è il Bonus Idrico. I cittadini che decideranno di sostituire vecchi sanitari o la rubinetteria potranno approfittare di un contributo di mille euro per coprire le spese. Il riferimento è agli acquisti effettuati dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre dell’anno in corso. Gli interventi accettati sono diversi ma tutti dovranno far riferimento ad un miglioramento energetico e ad una riduzione del flusso dell’acqua.

Le domande potranno partire dal 2022 e si potranno inoltrare sulla piattaforma che il Ministero della Transizione Ecologica ha appositamente ideato. La denominazione è Piattaforma Bonus Idrico e vi si potrà accedere unicamente previa autenticazione. Presumibilmente occorrerà avere lo SPID o un’altra identità digitale per accedere velocemente al portale ed inviare la domanda per ottenere il contributo.