Europa, rischio blackout | Broccoli pericolosi | Buona notizia sul carburante

Il ministro dello Sviluppo economico ha parlato di un rischio blackout. Alcune verdure si dimostrano incompatibili con alcune diete. E il carburante…

Rischio blackout Broccoli Costo carburante
Foto: CC

Tempo di rincari su tutti i fronti. Costi delle utenze e delle materie prime. Un quadro decisamente sconfortante se si pensa a quanto questa influisca sullo scorrere della nostra quotidianità. Un dato di fatto, specie in un momento tradizionalmente di spesa come il mese di dicembre, fra le incombenze di fine anno e quelle del periodo natalizio. Il che, naturalmente, finisce per produrre effetti contrastanti sulla cittadinanza, spinta dalle tradizioni a spendere di più per mantenere in vita perlomeno lo spirito del Natale, ma anche stretti nella morsa bicefala di tasse e inflazione. Ma il discorso dei costi in aumento non riguarda solo la quotidianità e l’impennata delle bollette. Un grosso problema sembra profilarsi a monte e risponde al nome nientemeno che di blackout.

Rischio blackout, spettro oscuro sull’Europa

Un rischio piuttosto concreto, del quale ha parlato il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. E che incomberebbe non sull’Italia ma su tutta Europa. In pratica, “rispetto all’attuale assetto dell’approvvigionamento energetico”, l’intero sistema di convogliamento dell’energia potrebbe non reggere più. Colpa della mancanza di materie e della diretta conseguenza, ovvero l’aumento dei costi. Il che potrebbe portare l’intero meccanismo a livelli di inefficienza per mancanza di scorte sufficienti a garantirne il funzionamento. Il che, unito alla problematica strutturale riscontrata lo scorso anno nel garantire il sistema durante il lockdown, ha creato una combinazione esplosiva. Tanto che i governi di alcuni Paesi hanno già invitato la popolazione a fare scorta di cibo.

LEGGI ANCHE >>> Allarme nero, l’Europa a rischio blackout: “Fate scorte di cibo”

Broccoli, questa patologia non ci va d’accordo

Uno scenario quasi da film ma a quanto pare ben più concreto di quanto si pensi. Tuttavia, il rischio di un blackout non va a braccetto solo con l’impossibilità di garantire l’illuminazione ma anche con quella della conservazione dei cibi. Soprattutto carne, frutta e verdure. A proposito di queste ultime, il loro accostamento alla salute e al benessere è piuttosto scontato. Tuttavia, secondo alcuni esperti, non sempre l’assonanza è corretta. Anzi, nel caso di una verdura fra le più comuni come i broccoli, i dietologi procedono con il consiglio ma secondo alcune cautele. Questo perché i broccoli rientrano fra gli ortaggi che, al proprio interno, costituiscono una fonte di goitrogeni. Ovvero, un componente in grado di interferire con l’assunzione di iodio ed essere quindi alla base di problemi per chi patisce problemi di ipotiroidismo. Tale patologia, infatti, sconsiglia di mangiare verdure appartenenti alla famiglia delle Crocifere. Tra le quali, appunto, broccoli e cavolfiori

LEGGI ANCHE >>> Broccoli, attenzione se avete questa patologia: buoni ma…

Carburante, buona notizia in arrivo sui prezzi

Si diceva dei rincari. I quali hanno toccato praticamente tutti gli ambiti della vita quotidiana, dalle semplici scorte alimentari al costo delle utenze. Non ultimo il carburante. Anzi, l’aumento dei prezzi è stato notato soprattutto in questo settore, dove è apparsa chiara la divergenza tariffaria fra il periodo più intenso della pandemia e quello attuale. Una situazione che, però, ora come ora potrebbe subire una svolta in positivo.

LEGGI ANCHE >>> Carburante, finalmente una buona notizia: sarà un sollievo per le nostre tasche!

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il costo del carburante, infatti, sarebbe in discesa anche se gli effetti visibili sarebbero ancora limitati. Eni, ad esempio, ha applicato una riduzione di un centesimo al litro (sia per benzina che diesel). Api, invece, di 1,5 a litro. Cifre inferiori, quindi, ma solo di poco. Un primo passo comunque, visto che coinvolge anche altri nomi del settore (Q8, Tamoil). Una situazione favorevole portata dalla flessione dei prezzi del petrolio. Almeno da questo punto di vista, il blackout non si rischia…