WhatsApp sparirà da milioni di cellulari, la decisione è stata presa e non è reversibile. Scopriamo come controllare se il proprio modello di device supporterà il cambiamento.

WhatsApp non funziona 1° novembre
Pixabay

Tutti noi siamo abituati alle continue modifiche messe in atto dalle applicazioni presenti sul nostro smartphone, tra cui WhatsApp. Solitamente i cambiamenti portano novità positive, innovative funzionalità e implementazioni interessanti che semplificano l’utilizzo dell’app. A novembre, invece, assisteremo ad una modifica che riserverà amare sorprese per milioni di utenti. La conseguenza dell’aggiornamento sarà, infatti, l’impossibilità di continuare ad usare l’app di messaggistica sul device.

Il pericolo è alle porta, cosa ne sarà di WhatsApp

L’uso di WhatsApp è quotidiano per milioni di utenti. Non solo chat ma anche invio di foto, video, informazioni, presto molte persone dovranno rinunciare a tutto questo e le alternative sono veramente poche. I modelli interessati sono quelli che presentano un sistema Android operativo 4.0.4 o precedente. La verifica del sistema operativo in uso potrà essere effettuata tramite le impostazioni dello smartphone in modo tale da capire se il proprio device potrà supportare l’aggiornamento dell’app oppure no. Quali sono le alternative? Passare a Telegram rinunciando a WhatsApp oppure acquistare un nuovo smartphone con sistema operativo più recente.

Non solo brutte notizie, tutte le migliorie dell’app

Novembre sarà un mese di decisioni per gli utenti che hanno cellulari che non supporteranno più l’app di messaggistica. Il nuovo aggiornamento escluderà dal suo utilizzo milioni di dispositivi ma apporterà cambiamenti che invoglieranno le persone a scegliere l’alternativa che darà loro la possibilità di continuare ad usare WhatsApp.

Rinnovamento della grafica e nuove funzionalità, da novembre l’aggiornamento porterà migliorie volte a creare un’esperienza di messaggistica sempre più interessante. Inoltre sono previste continue correzioni di bug per evitare interruzioni e malfunzionamenti così come avverrà l’introduzione del backup crittografato. Ciò significa che il livello di sicurezza sarà sempre più elevato. Le chat nel cloud verranno anch’esse protette come i messaggi multimediali, le videochiamate e i messaggi vocali. L’attivazione o meno di questo livello di protezione sarà a discrezione dell’utente.

Leggi anche >>> Truffa del Green Pass su WhatsApp, l’incubo ritorna: come riconoscerla per non “infettarsi”

Nuove funzionalità dal 1° novembre

Con il prossimo aggiornamento di WhatsApp sarà possibile scoprire altre nuove funzionalità. Si attende che gli sviluppatori finiscano una implementazione gradita agli utenti, le reactions ai messaggi arrivati, esattamente come avviene su altri social. Più precisamente, le reactions dovrebbero apparire sotto l’orario di invio della chat e sotto la doppia spunta. Rumors parlano di sette reazioni possibili che gli utenti curiosi non vedono l’ora di scoprire.

Altra funzionalità attesa è l’autodistruzione dei messaggi. I vantaggi di questo aggiornamento sono la possibilità di liberare spazio di archiviazione nella memoria del dispositivo e la tutela della privacy. I messaggi che si autodistruggeranno saranno quelli effimeri o temporanei e si potrà scegliere in autonomia la durata della chat tra 24 ore, 7 o 90 giorni.