Numerosi bonus autunnali attendono di essere richiesti. E’ il momento di  approfittare degli incentivi governativi rivolti al sostegno economico dei cittadini.

bonus autunnali
Adobe Stock

Occorre fare chiarezza all’interno della giungla di incentivi messi a disposizione dei cittadini dal Governo. Ogni bonus può essere richiesto solo soddisfacendo determinati requisiti e ogni agevolazione prevede un importo differente da erogare. Bonus Tv, bonus terme, bonus asilo nido, le misure sono tante e una loro presentazione è obbligatoria.

Bonus rottamazione Tv

Un primo bonus riguarda la rottamazione della vecchia Tv per acquistare un nuovo apparecchio in grado di ricevere il nuovo digitale. L’incentivo prevede uno sconto del 20% con erogazione massima di 100 euro , senza ISEE e senza condizioni reddituali. Occorrerà solamente rottamare la televisione non in grado di supportare lo standard DVB-T2. In alternativa è possibile approfittare del Bonus decoder di 30 euro per acquistare un nuovo decoder da associare al televisore. Requisito di accesso è l’Isee inferiore a 20 mila euro.

Bonus idrico

Una new entry tra i bonus autunnali. L’incentivo consente di ottenere fino a mille euro per supportare spese rivolte al risparmio idrico. Si può richiedere in caso di sostituzione dei vasi sanitari di ceramica con apparecchi a scarico ridotto, per la sostituzione della rubinetteria o delle colonnine della doccia a condizione che rientrino tra gli interventi di efficientamento idrico.

Asilo nido tra i bonus autunnali

Interessante agevolazione è quella che prevede un contributo di 1.000 euro per sostenere le spese legate alla retta di asili nido oppure all’assistenza domiciliare per bambini di età inferiore di tre anni affetti da malattie gravi e croniche. L’ISEE determinerà l’importo da ricevere – il limite massimo è un ISEE di 25 mila euro – e dovrà fare riferimento al minore per cui è richiesta la prestazione.

Bonus Terme

Tra le misure previste dal Governo troviamo l’incentivo volto ad accelerare la ripresa di un settore altamente colpito dalla pandemia. Il bonus in questione sostiene i cittadini che intendono acquistare servizi proposte da strutture termali a partire dall’8 novembre. Il valore massimo di spesa è 200 euro e, in generale, l’agevolazione coprirà fino al 100% del servizio acquistato presso una struttura convenzionata. Non ci sono limiti di ISEE, ogni cittadino ne potrà usufruire una sola volta e la misura è nominativa.

Bonus facciate e superbonus 110%

Due interessanti misure si rivolgono ai cittadini che intendono procedere con una ristrutturazione. La prima agevolazione, il bonus facciate, prevede una detrazione del 90% sulle spese documentate fino al 31 dicembre 2021 rientranti tra le spese ammissibili. Non ci sono limiti reddituali né limiti di spesa massimi. La seconda misura, il superbonus 110%, poi, prevede un’aliquota del 110% in riferimento alla detrazione delle spese legate ad interventi di efficientamento energetico.

Bonus autunnali mobili e grandi elettrodomestici

La misura in questione prevede una detrazione Irpef del 50% per le spese relative all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe superiore ad A+. Il tetto di spesa massimo è di 16 mila euro e la detrazione verrà distribuita su 10 anni. Condizione indispensabile è che la data di inizio dei lavori risulti anteriore rispetto all’acquisto dei mobili o degli elettrodomestici.

Leggi anche >>> Vacanze gratis, arriva il bonus senza limiti Isee: cosa c’è da sapere

Incentivo acqua potabile

Concludiamo la pioggia di bonus autunnali con l’incentivo che prevede un credito d’imposta del 50% per tutte le spese sostenute per acquistare e installare sistemi di filtraggio, raffreddamento e addizione anidride carbonica alimentare o di mineralizzazione. L’importo massimo dell’agevolazione è di 500 euro a fronte di una spesa di mille euro per le persone fisiche e di 2.500 euro per le attività commerciali a fronte di una spesa di 5 mila euro.