Affrettatevi! C’è ancora poco tempo per poter richiedere il bonus asilo nido. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

bonus asilo nido
Foto © AdobeStock

Diventare genitori si rivela essere, senz’ombra di dubbio, l’esperienza più bella della propria vita. Basta un semplice sorriso dei figli, infatti, per rallegrare le nostre giornate. Allo stesso tempo non si può fare a meno di negare di come si tratti anche del mestiere più difficile del mondo, in quanto porta a dover fare i conti con alcuni aspetti di tipo pratico. Ne sono un chiaro esempio le spese che bisogna sostenere per mantenere e crescere un figlio, come quelle per l’istruzione e il tempo libero.

Proprio in questo contesto si rivelano importanti alcune misure ad hoc, messe a disposizione dall’esecutivo, come ad esempio il bonus asilo nido. Destinato ai nuclei famigliari con bambini fino ai 3 anni di età, bisogna però affrettarsi. C’è ancora poco tempo disponibile, infatti, per poter richiedere tale agevolazione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Bonus asilo nido, affrettatevi: tutto quello che c’è da sapere

I nuclei famigliari con un bambino con meno di tre anni di età possono richiedere e ottenere il bonus asilo nido, fino ad un massimo di 3 mila euro. Tale agevolazione, come è facilmente intuibile dal nome, è volta a coprire i costi per asilo nido e strutture autorizzate per l’infanzia. Nel caso in cui il minore sia affetto da qualche patologia, per cui non possa frequentare l’asilo nido, inoltre, tale bonus può essere utilizzato per l’assistenza domiciliare.

A differenza di altri tipi di bonus non sono previsti limiti di reddito. Allo stesso tempo, chi interessato, deve affrettarsi, in quanto c’è ancora tempo per farne richiesta solo fino al 31 dicembre 2021. A partire dal 2022, invece, non sarà più disponibile, in quanto rientra tra le voci che varranno inglobate all’interno dell’assegno unico. Il genitore che fa la domanda, ricordiamo, deve essere lo stesso che paga la retta. Nel caso in cui non sia sempre lo stesso genitore a provvedere al pagamento del contributo dell’asilo nido, entrambi possono farne richiesta, provvedendo ad allegare la documentazione che attesta le mensilità pagate.

LEGGI ANCHE >>> Mamme e famiglie, occhio ai bonus: tutto quello che c’è da sapere

Bonus asilo nido: l’entità del contributo

Per quanto riguarda l’entità del bonus, invece, bisogna sapere che varia in base all’Isee del nucleo famigliare richiedente. Entrando nei dettagli, l’importo del contributo può essere:

  • fino a 3 mila euro, in presenza di un Isee con valore massimo pari a 25 mila euro;
  • massimo 2.500 euro, con ISEE tra 25.001 e 40 mila euro;
  • fino a 1.500 euro, in presenza di ISEE superiore a 40.001 euro, oppure nel caso in cui il soggetto richiedente non presenti l’Isee.

Per ottenere il bonus asilo nido, inoltre, ricordiamo che è necessario presentare la documentazione che attesti l’avvenuto pagamento delle singole rette, come ad esempio una ricevuta, una fattura quietanzata o bollettino bancario o postale.