L’assegno unico e Rdc sono due misure cumulabili per specifici beneficiari che soddisfano determinati requisiti. Scopriamo di più per capire se siamo interessati dall’importante novità.

assegno unico e Rdc beneficiari
Adobe Stock

Il Reddito di cittadinanza è una misura nata per sostenere le famiglie che si trovano in difficoltà economica. Pur avendo attraversato momenti altalenanti, accuse e rimostranze, l’Rdc è stato confermato – la speranza è che subirà delle modifiche per identificare i furbetti che pur non avendone diritto recepiscono la mensilità – e potrà essere affiancato dall’Assegno unico universale temporaneo. Questa è la direttiva del Governo Draghi che coinvolge i nuclei familiari con almeno un figlio minorenne a carico e che versano in condizioni economiche disagiate. Vediamo chi può usufruire di entrambe le misure.

Il raddoppio vincente, Rdc e assegno unico temporaneo

L’Assegno unico universale approvato in maniera temporanea fino al 31 dicembre 2021, data in cui finirà la fase sperimentale, può associarsi al Reddito di Cittadinanza. Un raddoppio, dunque, che consentirà di ottenere l’importo dell’Rdc intorno al giorno 27 del mese corrente e, successivamente, la somma spettante per l’Assegno Unico. L’accredito avverrà per entrambe le misure sulla carta reddito di cittadinanza, carta che consente di effettuare vari acquisti.

Il pagamento del Reddito di cittadinanza, dopo un iniziale periodo di incertezze, sembra essersi ora stabilizzato mentre per l’Assegno Unico ci sono ancora dei ritardi. Tutto dipende dalle tempistiche dei controlli dell’INPS. L’attenzione è elevata e le verifiche da effettuare sono incredibilmente numerose. Riassumendo, nel mese di settembre tanti utenti hanno già iniziato a ricevere l’Rdc mentre per l’Assegno unico occorrerà attendere il giorno 30. 

Leggi anche >>> Reddito di Cittadinanza, dati agosto 2021: ecco l’inaspettata sorpresa

Beneficiari del raddoppio e come ottenerlo

I beneficiari dell’Assegno unico e del Reddito di cittadinanza sono tutti i nuclei familiari con almeno un figlio a carico e con Isee inferiore a 9.360 euro. Per ricevere entrambe le misure, dunque, dovranno essere soddisfatti singolarmente tutti i requisiti previsti per l’uno e per l’altro incentivo. Per ricevere il Reddito di cittadinanza occorre inoltrare la richiesta all’INPS, non occorrerà farlo, invece, per ottenere l’Assegno temporaneo se si è già titolari dell’Rdc.

La quota di assegno spettante verrà erogata, infatti, direttamente dall’Istituto nazionale per la previdenza sociale sulla carta reddito di cittadinanza. Ricordiamo che l‘importo varia in relazione al reddito, al numero di figli a carico presente nel nucleo familiare e alla presenza di minori disabili o invalidi.