La carta del Reddito di Cittadinanza può essere utilizzata per effettuare diversi acquisti. In alcuni casi però ci sono diversi dubbi a riguardo, in particolare sui prodotti tecnologici 

Reddito di Cittadinanza
Fonte Web

Il Reddito di Cittadinanza è ormai stato istituito da 2 anni, ma nonostante il tempo trascorso, ci sono ancora diversi dubbi in merito al suo utilizzo. Certo, gli aggiornamenti sono sempre dietro l’angolo, ma in generale la gente ancora non ha le idee chiaro in tal senso.

L’ultima revisione è piuttosto recente ed è frutto delle richieste delle associazioni di categoria. Cerchiamo quindi di capire cosa si può acquistare e cosa no, concentrandoci in particolar modo su alcuni prodotti tecnologici, ormai sempre più in auge.

Reddito di Cittadinanza: può essere utilizzata per l’acquisto di tablet e strumenti tecnologici?

Il riferimento specifico è ai cellulari e ai tablet, che con l’avvento della pandemia sono diventati ancora più importanti per poter comunicare a distanza. La card del RDC consente di poterli acquisire, a patto però che non sia device di lusso. 

Quindi soprattutto per le famiglie con figli a carico può essere il momento propizio visto che con l’inizio delle attività scolastiche, questo genere di apparecchi può risultare molto utile. Spazio anche ai giocattoli per i più piccolini. Sono infatti compresi nei beni necessari che si possono prendere grazie al bonus statale.

Tra gli altri figurano anche alimenti, vestiti, mobili, benzina, bollette, rata del mutuo o dell’affitto, visite mediche, elettrodomestici, farmaci e materiale didattico. Il limite massimo di prelievo mensile di contanti è di 100 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona e di 80 euro per quelli con più membri.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, attenti ai movimenti: in quali casi può essere bloccata

Sono invece assolutamente vietati gli acquisti di armi, materiale pornografico, acquisto, noleggio o leasing di navi e imbarcazioni da diporto, articoli di pellicceria, servizi di trasferimento di denaro, servizi finanziari e creditizi, servizi assicurativi e acquisti presso galleria d’arte.

Insomma tutti oggetti o prestazioni che non sono di primaria importanza. Il Reddito di Cittadinanza è stato introdotto per aiutare chi versa in condizioni di difficoltà. Non per consentire alle persone di fare i propri comodi in attesa di un nuovo impiego lavorativo.