Una banda di rapinatori ha fatto un furto da 10 milioni di euro in un negozio di altissima qualità. Tutti i dettagli dello spiacevole episodio 

Furto
Fonte Getty Images

I furti nei grandi negozi di moda, abbigliamento e gioielli purtroppo non passano mai di moda. Nonostante le tecnologie istituite nel corso degli anni per debellarli, i furfanti riescono sempre a trovare un escamotage per mettere a segno i loro loschi colpi.

Stavolta, è stato preso di mira uno store di Bulgari in pieno centro a Parigi, per l’esattezza a Place Vendome. Si tratta della parte chic della capitale transalpina, che ormai da diversi anni è diventato purtroppo uno dei teatri delle più grandi malefatte a livello mondiale.

Furto da 10 milioni di euro da Bulgari: i dettagli dell’accaduto

Stavolta a quanto pare non c’è nessuna matrice terroristica, ma solo un mero e proprio appropriamento indebito di risorse preziose. Nel corso dell’estate nella città parigina si erano già verificati altri episodi di una certa gravità. Uno in punto vendita del gioielliere Chaumet (2 milioni di euro) e l’altro in una boutique del marchio Dinh Van (400mila euro).

Tornando al fatto in questione, stando alle prime stime, il colpo messo a segno da Bulgari ha fruttato la cifra monstre di 10 milioni di euro. La polizia una volta informata dell’accaduto, è partita alla caccia di un’auto con a bordo tre persone e due scooter.

La Bmw grigia grazie alla quale si sono dati alla fuga dopo la rapina, è stata ritrovata abbondonata dopo l’inseguimento delle forze dell’ordine nel centro cittadino. Due componenti della banda però sono stati arrestati nei pressi del parcheggio sotterraneo Forum des Halles, mentre gli altri sono ancora a piede libero e hanno fatto perdere le loro tracce.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e vinci, cosa succede in caso di furto: la verità inaspettata

Per effetto di ciò è stata aperta un’inchiesta per “furto a mano armata in banda organizzata” e “associazione a delinquere”. Il lavoro è stato affidato alla Brigata anti-crimine della polizia giudiziaria. Dunque, non resta che aspettare ed avere fiducia nel lavoro degli organi competenti. Chi commette questi crimini non può farla franca così.