Optare per la domiciliazione bancaria delle bollette offre dei vantaggi per il contribuente. E non parliamo solo delle file evitate alle Poste o in tabaccheria. 

Adobe Stock

Ricevere le bollette non è piacevole e lo è ancor meno dover aspettare il proprio turno all’Ufficio Postale o in tabaccheria per corrispondere l’importo dovuto. Eppure le soluzioni sono dietro l’angolo sia per risparmiare sui costi onerosi delle bollette di luce, acqua e gas sia per evitare inutili perdite di tempo. La domiciliazione bancaria consente di ottenere dei vantaggi rilevanti per il contribuente. Non occorre, dunque, guardare con sospetto questa soluzione suggerita dalle banche ma conoscerla meglio per comprendere la sua utilità.

Con la domiciliazione bancaria il risparmio è assicurato

Il primo vantaggio dello scegliere la domiciliazione del pagamento delle bollette di luce, acqua e gas riguarda il risparmio sulla spesa della fornitura. Optando per il sistema SEPA Direct Debit, infatto, molti gestori garantiscono delle particolari offerte ai clienti. Parliamo di promozioni dedicate esclusivamente agli utenti che scelgono l’addebito automatico dell’importo della bolletta.

Anche il secondo vantaggio è legato ad un risparmio economico. Domiciliando le bollette, infatti, si eviteranno i costi legati all’invio cartaceo della documentazione. Sommando l’importo risparmiato mese per mese si otterrà, alla fine dell’anno, un bel guadagno. Possiamo aggiungere, poi, che optando per la domiciliazione si compirà una scelta ecologica che consentirà di evitare sprechi di carta.

Leggi anche >>> Bollette più care e cartelle esattoriali: l’autunno non è proprio il benvenuto

Il terzo vantaggio della domiciliazione delle bollette

Alcuni contribuenti potrebbero mostrarsi restii ad accettare la domiciliazione bancaria delle bollette pensando ai costi legati a tale soluzione. E’ utile sapere che la domiciliazione è completamente gratuita e non prevede il pagamento di canoni né mensili né annui. In più, scegliendo l’addebito automatico non occorrerà versare il deposito cauzionale che i gestori fornitori di luce, gas e acqua chiedono in via precauzionale. Chi lo ha già versato verrebbe rimborsato della somma corrisposta.

Nessun trucco, dunque, legato alla domiciliazione delle bollette. Ricordiamo, però, che il fatto di potersi “dimenticare” del pagamento grazie all’addebito automatico non deve portare ad un mancato controllo dei dati contenuti in bolletta. Le tante voci di spesa potrebbero contenere degli errori soprattutto in riferimento ai consumi effettuati realmente che, nella maggior parte dei casi, gravano in misura minore rispetto ad altri costi.