Aumenti per le pensioni attesi nel mese di settembre: almeno due categorie di contribuenti sono in attesa, ecco quali

Soldi in pensione (Fonte foto: Pixabay)

C’è già l’ufficialità, l’Inps erogherà pensioni più cospicue nel mese di settembre 2021. Il mese che ci farà salutare le vacanze estive, è segnato come quello di riferimento infatti, per chi attende rimborsi 730 e Quattordicesima. Tutti contenti quindi, anzi, quasi, visto che c’è anche chi con 3mila euro di pensione si dice scontento.

Da poco, sono stati resi disponibili i cedolini della pensione, che servono ai contribuenti, per il controllo dell’importo erogato dall’Istituto di previdenza sociale e per la sicurezza che non vi siano divergenze. Come detto, alcune categorie di pensionati, aspettano con ansia settembre che per loro diventa un mese importante. Vediamo chi.

Pensioni: chi ha il diritto a rimborsi e Quattordicesima

E quindi, tra le due categorie che esulteranno con gli assegni del mese prossimo, ci sono tutti coloro che aspettano un rimborso 730. Ed allora, chi ha presentato la propria domanda a maggio o giugno passati e non ha ancora avuto il rimborso, lo avrà a settembre. Lo stesso possiamo dire delle trattenute in caso del conguaglio a debito del contribuente. In questo caso, c’è la possibilità di usufruire di una rateazione degli importi a debito.

Discorso poi a parte per i ricettori di Quattordicesima. Anche questa è un’aggiunta di importo variabile, cambia infatti a seconda della pensione. Ecco come calcolare la cifra della Quattrodicesima. Anche loro quindi, potranno accogliere a braccia aperte settembre, mese delle aggiunte sulle pensioni.

LEGGI ANCHE>>> Pensione di invalidità, pronti 1.173 euro al mese: ecco i destinatari

Per quanto riguarda chi sta aspettando la Quattordicesima, l’Inps ha fatto chiarezza in un comunicato, spiegando a chi spetta: “Ai pensionati di almeno 64 anni che hanno un reddito complessivo fino a un massimo di 1,5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti fino al 2016 e fino a 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo lavoratori dipendenti dal 2017”.