Truffa bolletta della luce, non c’è solo il magnete ai contatori: le nuove ‘armi’

Ancora in giro la truffa del magnete: a Roma sgominati tantissimi disonesti, ma non è l’unico strumento che viene usato

Calamita sul contatore (Fonte foto: web)

Se avete l’impressione di aver già letto di questa truffa, state ricordando la cosa giusta. Il fatto è che quello del magnete è solo uno degli stratagemmi più usati per truccare il contatore. Tra l’altro, ci sono anche altri trucchetti molto ingegnosi che stanno spopolando, sempre in Italia, ma quello della calamita resta il numero 1.

Se è già il più utilizzato direte, cosa ci sarà di strano? Che nonostante sia ormai conosciuto e facilmente identificabile, ci sono ancora persone che ci provano. Il desiderio di raggirare la legge e soprattutto di avere tutti i comfort, ma senza pagare le tasse, sembra ancora molto forte nelle famiglie italiane, ed ecco cosa succede.

La famosa truffa del magnete

Prima che qualcuno dovesse farci il pensiero, siamo tenuti ad avvisarvi: per questo tipo di truffa si rischia persino la galera. Ci sono diversi trucchetti come detto, ma prima cosa bisogna poter raggiungere i contatori, poi commettere un’azione totalmente illegale che consentirebbe di diminuire o addirittura azzerare i costi dal contatore stesso. A Roma poco tempo fa, furono scoperte tantissime azioni simili, con Enel ed Acea a recriminare maggiormente per le perdite.

Ed ora per i più curiosi, spieghiamo cos’è ed in cosa consiste, questa famosa tecnica del magnete. Basta posizionare un magnete che sia di grandi dimensioni, accanto o sopra l’apparecchio del contatore. In questo modo, l’oggetto farà calare se non addirittura fermare i giri e i consumi contati risulteranno bassissimi.

LEGGI ANCHE>>> Rischio tempesta solare: e se internet si spegnesse per 10 anni?

Ma visto che in Italia non ci si accontenta di vecchi metodi sicuri, ecco che le forze dell’ordine hanno effettuato dei ritrovamenti a dir poco singolari, nell’ultimo anno. Persino oggetti come misuratori, rilevatori e punzonatori infatti, venivano adoperati da chi si occupava di mettere in atto questa truffa.