Doppia agevolazione per i genitori: il mese di agosto regala due opportunità

Protagonisti del mese di agosto sono i genitori che potranno fare richiesta di una doppia agevolazione. Le due misure compatibili sono l’assegno unico e il bonus bebè.

Pixbay

I genitori possono avanzare richiesta di due utili misure, l’assegno unico e il bonus bebè. E’ importante sapere che al momento le agevolazioni sono compatibili ma non è possibile sapere se la compatibilità sarà una caratteristica anche nel prossimo futuro. Di conseguenza, è bene approfondire la conoscenza con le interessanti iniziative per non perdere l’occasione di ricevere un sostegno economico.

Leggi anche >>> Fino a 1740 euro alle mamme disoccupate, i dettagli del bonus

Assegno unico per i genitori: destinatari e come richiederlo

L’assegno unico temporaneo nasce dall’esigenza di offrire un aiuto a tutti coloro che sono rimasti fuori dalla richiesta degli assegni familiari. Lavoratori autonomi, disoccupati e Partite Iva sono, dunque, i beneficiari della misura. Dal 2022 tale assegno diventerà universale ed includerà tutte le agevolazioni rivolte alle famiglie.

Le categorie citate possono richiedere l’assegno unico temporaneo dallo scorso 1° luglio al 31 dicembre 2021. Requisiti fondamentali sono la presenza di figli di età inferiore ai 18 anni e ISEE non superiore ai 50 mila euro. In più, la misura si rivolge ai soggetti che pagano l’imposta sul reddito in Italia, che non percepiscono gli assegni del nucleo familiare e che sono cittadini italiani, di uno Stato Membro dell’UE oppure titolari di permesso di soggiorno valido.

Leggi anche >>> Bonus terme e stagionali, l’agevolazione c’è: meglio affrettarsi con le domande

Come ottenere l’assegno unico

I genitori dovranno fare domanda per ottenere l’agevolazione. Se la richiesta verrà inoltrata entro il 30 settembre 2021 si potrà beneficiare delle mensilità di luglio e agosto. Le domande che saranno inviate dal 1° ottobre, invece, vedranno corrispondere solo le mensilità a partire dal mese di inoltro della richiesta.

La procedura prevede l’accesso al portale dell’INPS nella sezione dedicata. Ricordiamo che per accedere occorrerà avere le credenziali SPID, il PIN (ancora per poco), la carta di identità elettronica oppure la Carta Nazionale dei Servizi.

Importo dell’assegno, quanto spetta ai genitori

L’importo dell’assegno unico temporaneo dipenderà dall’ISEE dei genitori e dal numero di figli presenti nel nucleo familiare. Il range va da 168 euro a figlio per un ISEE inferiore a 7 mila euro fino a 30 euro a figlio per gli ISEE pari a 50 mila euro.

Leggi anche >>> Bonus TV, dalla parte del venditore: come registrarsi all’iniziativa

Bonus Bebè, in cosa consiste questa misura

Compatibile all’assegno unico temporaneo è il bonus bebè. La misura non ha limiti di ISEE ed è dedicata a tutte le famiglie che accoglieranno un figlio entro il 31 dicembre 2021. Riguarda i nuovi nati, i bambini in affido e i bambini adottati. Il riconoscimento dell’agevolazione vale solo fino al primo anno di vita del figlio e l’importo varia in base al reddito del nucleo familiare.

Fino a 7 mila euro il bonus sarà di 160 euro al mese per arrivare agli 80 euro mensili con ISEE superiore a 40 mila euro. Per il secondo figlio nato (o adottato) tra gennaio e dicembre 2021 è prevista una maggiorazione del 20%.

Come e quando inviare la domanda del bonus bebè

I genitori con figli di età inferiore ad un anno dovranno inviare la domanda di bonus accedendo al portale INPS entro 90 giorni dalla nascita (o dalla data di adozione o affido) del figlio. La richiesta deve essere avanzata per ogni figlio e l’importo verrà erogato a partire dalla data di presentazione della domanda.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Un interessante ampliamento della misura è previsto a partire dal 2022 quando il bonus bebè verrà inserito nell’assegno unico. I genitori potranno richiedere la misura a partire da settimo mese di gravidanza e fino ai 21 anni se i figlio sono ancora a carico.