Quali sono i rischi per i lavoratori che decidono di non vaccinarsi quindi senza Green Pass? Ecco un caso che potrebbe fare giurisprudenza

Green Pass

Il dibattito sull’obbligo di Green Pass per i dipendenti di azienda è ancora piuttosto caldo e in attesa di capire cosa succederà, arrivano già i primi attriti sulla tematica.

Una sentenza del Tribunale di Roma ha infatti dato un primo input di quella che potrebbe essere la situazione in futuro. Cerchiamo quindi di scrutare tra i meandri di questa decisione per capire quali potrebbero essere le conseguenze per i lavoratori no-vax. 

LEGGI ANCHE >>> Certificazione verde, le regole dal 6 agosto: quando è obbligatorio il Green Pass e per chi

Green Pass: lo scenario a cui vanno in contro i lavoratori no-vax

Il caso specifico riguarda una lavoratrice che ha volontariamente rifiutato il vaccino anti Covid-19. A quel punto l’azienda l’ha sospesa senza concederle nessuna retribuzione e la dipendente ha presentato ricorso al Tribunale.

Il datore ha optato per questa soluzione dopo essersi confrontato con il medico competente. Il provvedimento si è reso necessario in mancanza di un altro impiego da assegnare alla donna.

Il Tribunale in virtù di ciò ha considerato legittima la sospensione. I  giudici hanno specificato che se il dipendente sottoposto a visita medica non risulta idoneo a stare a contatto con il cliente perché non vaccinato, può essere sollevato dall’incarico. 

Non essendoci più la prestazione lavorativa, sempre stando alla sentenza del Tribunale capitolino, è giusto che non venga corrisposto lo stipendio. In generale la sentenza numero 7619/1995 della Corte di Cassazione ha reso legittimo questo genere di decisioni del datore di lavoro, quando la sospensione è comprovata da una prescrizione medica. Il principio è valido per ogni genere di patologia, quindi non solo per il Covid-19.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass, attenti alla batosta: l’incubo che vivranno in molti

Tornando a questo caso, il provvedimento sarà effettivo e valido fino a quando non ci sarà un nuovo giudizio di idoneità o quando termineranno le limitazioni imposte dalla pandemia. Un caso che rischia di alimentare serie polemiche, ma in questa fase le discussioni sono ormai all’ordine del giorno.