La polizza a vita è senz’ombra di dubbio molto utile e in grado di garantire molti vantaggi. Allo stesso tempo non mancano le contraddizioni.

polizze sequestro
Image by Gerd Altmann from Pixabay

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’impatto del Covid che continua ad avere delle ripercussioni negative sulle nostre vite sia dal punto di vista sociale che economico. Molte persone, purtroppo, sono alle prese con una grave crisi finanziaria e, se tutto questo non bastasse, sono tante le spese con cui dover fare continuamente i conti. Da qui la necessità di interventi ad hoc da parte dell’esecutivo, come quelli approvati con il Decreto Sostegni Bis.

Allo stesso tempo aumentano purtroppo le incertezze in merito al futuro, tanto da registrare un netto aumento dei cosiddetti “panofobici”, ovvero di coloro che hanno paura di tutto. Non stupisce, quindi, che siano in tanti a pensare di tutelare la propria famiglia attraverso una polizza a vita. Ma come funziona e quali sono i vantaggi e i possibili rischi? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino anti-Covid, un giro d’affari che vale miliardi: chi guadagna di più

Polizza a vita, attenzione: cos’è, come funziona e possibili rischi

Tutti coloro che decidono di sottoscrivere una polizza a vita lo fanno con il chiaro intento di  tutte le persone care che vengono appositamente indicate nel contratto. Questo è possibile mediante il pagamento di una somma che viene stabilita all’atto della sottoscrizione nel caso in cui si verifichi il decesso dell’assicurato. Quando quest’ultimo viene a mancare, infatti, l’assicurazione è tenuta a destinare una cifra pattuita ai propri cari.

Ma non solo, la polizza a vita non ha scadenza e per questo è possibile attingervi mediante richiesta di pagamento sotto forma di riscatto anticipato. Uno dei rischi a cui si potrebbe andare incontro, pertanto, è che l’impresa neghi l’erogazione del denaro. Questo può avvenire nel caso in cui si tratti di un sinistro non contemplato nel contratto. Ma non solo, il pagamento potrebbe essere negato in presenza di dati non veritieri, soprattutto per quanto riguarda lo stato di salute.

LEGGI ANCHE >>> Postepay, buone notizie: fino a 3 mila euro per andare in vacanza

Proprio per questo motivo può capitare che l’impresa decida di verificare le reali condizioni dell’assicurato con nuove indagini. Onde evitare spiacevoli inconvenienti, pertanto, si invita sempre a leggere attentamente il contratto, in modo tale da capire quali sono le condizioni dell’assicurazione stipulata.