Sanzioni previste per chi è senza Green Pass a partire dal 6 agosto 2021. Cerchiamo di capire quando si rischia di essere multati e qual è l’ammontare della multa.

Web

Il prossimo 6 agosto sarà obbligatorio possedere il Green Pass per accedere ai ristoranti al chiuso, ai bar, nelle palestre, nei musei, nei cinema e in tante altre strutture al chiuso. Il Governo, poi, sta vagliando la possibilità di estendere l’obbligatorietà anche ai trasporti ma solamente dopo Ferragosto. Qualora non si ascoltino le direttive, si corre il rischio di dover pagare pesanti sanzioni.

Leggi anche >>> Green Pass, come comprarlo su Telegram: simulazione d’acquisto

Quando si rischia di dover pagare delle sanzioni

Tutte le persone che verranno sorprese nei luoghi in cui l’accesso è consentito solo con Green Pass saranno multate. In più, anche l’esercente dovrà corrispondere la stessa sanzione dato che ha l’obbligo di verificare che il cliente abbia la certificazione verde.

I controlli del possesso o meno del Green Pass avverranno tramite l’app Verifica19. Forze dell’ordine ed esercenti hanno l’autorizzazione ad utilizzarla per verificare non solo l’avvenuta vaccinazione ma anche che il Green Pass non sia scaduto o falso. Aumentano, infatti, i casi di acquisto illecito di una finta certificazione.

Leggi anche >>> Green pass obbligatorio: tutte le attività per cui è indispensabile

Qual è l’ammontare della multa

Pixabay

La sanzione prevista qualora si acceda a luoghi chiusi o eventi senza certificazione verde ha un importo variabile dai 400 ai 1.000 euro. La multa verrà erogata sia al cliente che all’esercente. In più, qualora la violazione venga reiterata per tre volte in tre giorni – non necessariamente consecutivi – le autorità potrebbero far chiudere l’esercizio per un periodo variabile da 1 a 10 giorni.

Leggi anche >>> Green Pass, ecco il decreto: voli e ristoranti, la nuova strategia

App Verifica19, cosa segnala

E’ importante sapere che, attraverso l’app Verifica19, gli addetti ai controlli verificheranno la validità del certificato e potranno scoprire le false certificazioni, le attivazioni non ancora avvenute e la scadenza del Green Pass. Inoltre, controlleranno che siano passati almeno 14 giorni dalla data della prima dose di vaccinazione, lasso temporale previsto per cui sia accettabile l’entrata nei luoghi chiusi e agli eventi.

Infine, ricordiamo che la revoca del Green Pass può avvenire in qualsiasi momento a condizione che sia accertata una positività al Covid di un soggetto già vaccinato oppure già guarita dal virus. La certificazione verde, infatti, possono ottenerla non solo le persone vaccinate ma anche chi è guarito dal Covid 19 (nei sei mesi precedenti) e coloro che sono risultati negativi ad un test molecolare o antigenici.