Meglio nota con il nome di Social Card, prestate sempre un occhio di riguardo al saldo della vostra Carta Acquisti. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Carta acquisti
Foto: Web

In un periodo storico particolarmente complicato come quello attuale a causa del Covid, sono molte, purtroppo, le famiglie che si ritrovano a dover fare i conti con una grave crisi economica. Molte attività, infatti, hanno dovuto abbassare le serrande, comportando minor entrate per un numero crescente di persone. Proprio in tale ambito, pertanto, si rivelano fondamentali gli aiuti del governo, come ad esempio i contributi a fondo perduto che sono stati di recente approvati con il Decreto Sostegni Bis.

Oltre alle nuove misure, però, è bene ricordare che vi sono delle altre agevolazioni, che sono state introdotte ancora prima dell’impatto del coronavirus nelle nostre vite. Ne è una chiara dimostrazione la Carta Acquisti, meglio conosciuta con il nome di Social Card, che è stata introdotta il 25 giugno 2008. Quest’ultima si presenta come una forma di sostegno alle persone economicamente svantaggiate, attraverso l’erogazione di una ricarica bimestrale. Ma come funziona e cosa è possibile acquistare? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Estate, rinfrescare casa e risparmiare sulla bolletta è possibile: ecco 3 facili trucchi

Carta acquisti 2021, occhio al saldo: come controllare l’importo disponibile e cosa è possibile acquistare

Introdotta con il Decreto legge numero 112 del 2008, la Carta Acquisti è rivolta a genitori con bambini di età inferiore a 3 anni e alle persone con più di 65 anni in possesso di determinati requisiti. Tra questi si annoverano:

  • Isee inferiore a 7.001,37 euro. Per le persone con più di 70 anni l’importo complessivo dei redditi percepiti non deve superare 9.335,16 euro;
  • Non bisogna possedere più di un autoveicolo;
  • Non essere intestatari di più del 25% di immobili ad uso abitativo o di più del 10% di immobili ad uso non abitativo.

La carta viene ricaricata con un importo pari a 80 euro ogni bimestre, ovvero 40 euro al mese. Ma per cosa può essere utilizzata? Ebbene, grazie alla sociale card è possibile pagare ad esempio le bollette di luce e gas e comprare prodotti di prima necessità. Ne sono un chiaro esempio beni alimentari, ma anche gli acquisti svolti presso farmacie e parafarmacie. Se tutto questo non bastasse, è possibile beneficiare di diversi sconti presso i negozi convenzionati.

LEGGI ANCHE >>> Vacanze, attenti al conto corrente: come proteggere i propri risparmi

Utile per effettuare vari tipi di acquisti, si consiglia sempre di volgere un occhio di riguardo al saldo, in modo tale da evitare di dover fare i conti con delle pessime sorprese. Ma come fare? Ebbene, per controllare il saldo della carta acquisti non bisogna fare altro che chiamare da rete fissa il numero 800 666 888 oppure da mobile il numero 199 100 888, attivando il servizio di comunicazione saldo. Attraverso le istruzioni della voce guida, quindi, è possibile registrare un numero di cellulare su cui verranno inviati SMS con le comunicazioni inerenti i vari movimenti e il saldo disponibile. In alternativa è possibile usufruire del servizio di lettura telefonica. Non bisogna fare altro che contattare i numeri sopra indicati e richiedere semplicemente a quanto ammonti il saldo della propria carta acquisti.