Buone notizie per molte famiglie che potranno a breve beneficiare dell’arrivo di nuovi buoni spesa. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Spesa
Fonte foto: Pixabay

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’arrivo del Covid che continua ad avere un impatto negativo sulle nostre esistenze, sia dal punto di vista sociale che economico. Il governo, come noto, ha deciso di adottare una serie di misure restrittive volte a contrastare la diffusione del virus, con molti imprenditori costretti ad abbassare le saracinesche delle proprie attività. Un periodo complicato, con un numero crescente di persone alle prese con una difficile gestione del bilancio famigliare.

Il calo di fatturato, purtroppo, ha portato inevitabilmente delle conseguenze sulle famiglie, con il governo chiamato ad intervenire con delle misure ad hoc. Ne sono una chiara dimostrazione quelle previste con il Decreto Sostegni Bis. Ma non solo, proprio in un contesto difficile come quello attuale, giunge la notizia dell’erogazione di nuovi buoni spesa a favore delle famiglie con un determinato Isee e residenti in uno dei venti Comuni aderenti all’iniziativa. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come funziona e chi ne ha diritto.

LEGGI ANCHE >>> Vacanze, attenti al conto corrente: come proteggere i propri risparmi

Buoni spesa in arrivo per famiglie con Isee fino a 16.500 euro e residenti di questi 20 Comuni

Spesa famiglie italiane
Fonte Pixabay

A partire dallo scorso 26 luglio fino al prossimo 31 agosto, le famiglie dell’area socio sanitaria Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Grossetana alle prese con delle difficoltà economiche possono presentare domanda per i buoni spesa. Entrano nei dettagli, a poterne fare richiesta sono i cittadini residenti nel territorio di COeSO SdS Grosseto.

I Comuni a cui è rivolta tale iniziativa, come si evince dal sito dell’ente, sono: Arcidosso, Campagnatico, Castel del Piano, Castell’Azzara, Castiglione della Pescaia, Cinigiano, Civitella Paganico, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccalbegna, Roccastrada, Santa Fiora, Scansano, Scarlino, Seggiano, Semproniano.

La richiesta può essere presentata solo da famiglie alle prese con delle difficoltà economiche e sociali, che necessitano pertanto di interventi ad hoc. Tra questi si annoverano le persone che si ritrovano a dover fare i conti con una netta riduzione del reddito complessivo o con componenti in cassa integrazione e liquidazione differita nel tempo.

LEGGI ANCHE >>> Estate, rinfrescare casa e risparmiare sulla bolletta è possibile: ecco 3 facili trucchi

Tra gli altri si annoverano i soggetti già seguiti dai servizi sociali e coloro che hanno subito un decesso in famiglia per causa Covid 19 che ha aggravato la situazione economica nel nucleo familiare. Il valore complessivo del buono sarà erogato agli aventi diritto in un’unica soluzione, con i soggetti interessati che devono possedere un ISEE in corso di validità di importo inferiore a 16.500 euro.