L’Inps sta procedendo con l’invio di lettere di certificazione a chi ha fatto domanda di pensione entro il 2 marzo 2021 con esito positivo.

Opzione donna pensione
Foto © AdobeStock

Se la lettera di certificazione arriverà sarà un segnale positivo per che ha richiesto la pensione. Significa, infatti, che la domanda è stata accettata e si potrà avere accesso all’assegno pensionistico. Destinatari delle lettere sono i soggetti che rientrano nella nona salvaguardia, che hanno presentato richiesta entro lo scorso 2 marzo 2021. La platea coinvolge, dunque, gli esodati della Legge Fornero secondo quanto stabilito dalla Legge di Bilancio dell’anno in corso.

Leggi anche >>> Pensioni a rischio, i soldi stanno per finire: l’ultimo terribile incubo

Chi è rientrato nella nona salvaguardia

Il 16 luglio 2021 l’Inps ha comunicato l’inizio dell’invio di lettere di certificazione ai soggetti per i quali sono stati riconosciuti i diritti di accesso. Nello specifico, sono 2.400 gli esodati della Legge Fornero che sono rientrati nella nona salvaguardia. Una prima condizione per avere esito positivo alla domanda di pensione ha riguardato la tempistica. La domanda doveva essere inviata entro il 2 marzo e le pensioni di riferimento non devono avere decorrenza precedente al 1° gennaio 2021.

Leggi anche >>> Pensioni, la disparità è nel cedolino: chi percepisce fino a 500 euro in meno al mese

Destinatari delle lettere di certificazione

Pensione città
Pixabay

A ricevere le lettere di certificazione saranno gli appartenenti a specifiche categorie. Parliamo dei lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione con autorizzazione antecedente al 4 dicembre 2011. Dovranno avere un contributo accreditabile a partire dal 6 dicembre 2011 e la decorrenza della pensione avverrà entro il 6 gennaio 2022.

Le lettere saranno ricevute, poi, dai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione anche senza contributo volontario accreditato al 6 dicembre 2011 a condizione che abbiano un contributo per attività lavorativa svolta dal 1° gennaio 2007 al 30 novembre 2013.

Altri destinatari sono i lavoratori cessati, i lavoratori in congedo per assistere i figli con una disabilità grave e i lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato e lavoratori in somministrazione. Per tutti la decorrenza della pensione sarà entro il 6 gennaio 2022.

Leggi anche >>> Pensioni, occhio alla beffa: chi deve restituire 20 mila euro all’Inps

Data di avvio del pagamento pensionistico

L’Inps ha comunicato, oltre all’inoltro delle lettere di certificazione, la data in cui verrà rilasciato l’aggiornamento delle procedure per la liquidazione delle pensioni. Il giorno in questione è il 30 luglio 2021.