Scenario da incubo per il sistema pensionistico italiano, con molti che si chiedono quando non ci saranno più soldi per pagare le pensioni. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da aspettarsi.

Povertà
Fonte: Pixabay

L’ultimo periodo è stato segnato dall’impatto del Covid che ha portato con sé delle ripercussioni negative dal punto di vista economico, costringendo molti imprenditori ad abbassare le serrande delle proprie attività. Una situazione che porta molte persone a dover fare i conti con una difficile gestione del bilancio famigliare per via delle minori entrate. Se tutto questo non bastasse, il mercato del lavoro è in continuo cambiamento, con tante professioni e mestieri destinati a scomparire nell’arco di soli dieci anni.

Ma non solo, a destare particolare preoccupazione sono anche le pensioni. Proprio quest’ultime dovrebbero essere oggetto, nel corso dei prossimi mesi, di un’importante riforma ad opera dell’attuale governo a guida Draghi. In attesa di scoprire quali novità verranno introdotte in merito, non si può fare a meno di volgere un occhio di riguardo al futuro del sistema pensionistico italiano che, secondo molti, sembra destinato a collassare. Ma come è possibile? E soprattutto, quando non ci saranno più soldi per pagare le pensioni? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da aspettarsi.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, occhio alla beffa: chi deve restituire 20 mila euro all’Inps

Pensioni a rischio, i soldi stanno per finire: cosa c’è da aspettarsi

Pensione (Fonte foto: web)

Andare in pensione si rivela essere, senz’ombra di dubbio, un traguardo molto importante della propria vita. Dopo aver trascorso anni alle prese con i vari impegni lavorativi, infatti, è possibile finalmente staccare la spina e dedicarsi ai propri interessi. Non stupisce, pertanto, che siano in molti a non vedere l’ora di maturare finalmente i requisiti necessari per poter accedere al trattamento pensionistico. Ma cosa potrebbe accadere se un giorno dovessero finire i soldi per pagare i pensionati?

Uno scenario da molto ritenuto impossibile, ma che potrebbe tramutarsi, nel corso dei prossimi anni, in un incubo che diventa realtà. A differenza di quanto si possa pensare, infatti, potrebbe davvero accadere di non avere più i soldi per pagare le pensioni. Ma come è possibile? Ebbene, alla base di questa problematica si citano innanzitutto due motivi, ovvero la bassa natalità e troppe morti. Come è facile intuire, se ci sono sempre più pensionati e meno giovani che pagano loro la pensione, si rischia di andare incontro ad un collasso del sistema.

Ovviamente non è possibile stabilire quando non ci saranno più soldi per pagare le pensioni. Per questo motivo si ritiene necessario l’adozione di misure ad hoc, volte ad evitare che tale scenario da incubo si concretizzi. Se poi si pensa che l’economia è messa ancora più a dura prova dall’impatto del Covid, è facile capire come la situazione sia ancora più complicata del previsto.

LEGGI ANCHE >>> Covid, tra contagi e futuro incerto: 6 milioni di italiani “hanno paura di tutto”

Ormai da anni lo Stato, per pagare le pensioni, emette debito sotto forma
di titoli. Una soluzione che non aiuta però a creare né ricchezza né lavoro. Propri l’aumento di quest’ultimi due elementi, in effetti, potrebbe contribuire a risolvere il problema, con il governo chiamato ad attuare nel corso dei prossimi anni delle misure volte a favorire una maggiore natalità, incrementare i posti di lavoro e anche introdurre delle formule di pensioni integrative. Tutti elementi, in effetti, che dovrebbero essere alla base di una “Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.