Bonus Irpef direttamente in busta paga, regole sui condizionatori e banconote che valgono oro: tre argomenti topic per altrettanti consigli.

busta paga, soldi, condizionatore.

Estate, tempo di offerte ma, soprattutto, di spese. Quelle per le vacanze naturalmente, per chi è riuscito a risparmiare abbastanza per riuscire a godersi un momento di riposo. Sarà poi l’arrivo dell’autunno che costringerà a fare due conti e verificare che la disponibilità economica sia sufficiente ad affrontare le prime spese della stagione fredda. Per il momento, basti ricordare che esistono una serie di agevolazioni pronte a essere immesse per i contribuenti. Una di queste è senz’altro il Bonus Irpef, pronto a garantire un contributo di 1.200 euro annui.

Bonus Irpef: 1.200 euro in busta paga

Esistono dei precisi limiti reddituali per accedere al Bonus Irpef. La prospettiva è di ricevere degli aumenti proprio a supporto del reddito nel periodo di difficoltà. In questo caso, il limite è di 40 mila euro, oltre i quali non si avrà diritto al bonus. L’ammortizzatore sociale sarà garantito nella misura di 100 euro al mese per redditi fino a 28 mila euro. Fra 97 e 80 euro al mese per redditi compresi fra 28.001 e 35 mila euro. Infine, per redditi fra 35.001 e 40 mila si andrà dagli 80 agli 0 euro mensili. Di fatto, un potenziamento del bonus Renzi pensato per le buste paga. Per chi resta fuori, a ogni modo, ci saranno altre opportunità per ristorare il proprio reddito.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> Bonus 1200 euro in busta paga: quali requisiti di reddito bisogna rispettare

Condizionatore, occhio all’installazione: scattano le multe

L’installazione di un condizionatore è tutt’altro che un’operazione di secondo piano. C’è bisogno di una pianificazione attenta e, soprattutto, del rispetto di precise regole. Volte sia  regolare la questione energetica che quella ambientale. In caso di violazione delle normative, il rischio è di incorrere in delle multe anche piuttosto salate. Ad esempio, a installare i condizionatori dovranno essere tecnici certificati F-Gas, come stabilito dalla normativa comunitaria. Inoltre, i nuovi dispositivi dovranno essere catalogati in classi energetiche elevate, così da ridurre l’impatto ambientale (ed economico). Bisogna fare attenzione: i controlli possono scattare in qualsiasi momento e possono riguardare non solo i produttori ma anche i consumatori.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> Installazione condizionatore: multe fino a 100 mila euro, chi si deve preoccupare

Banconote d’oro: se avete queste avete un tesoro

Vi siete mai chiesti quanto possono valere delle vecchie banconote? Probabilmente sì e la risposta non è poi così illuminante. Alcuni particolari tagli del vecchio conio possono davvero rappresentare un tesoro. E il nostro cassetto può essere considerato lo scrigno che lo contiene. E’ il caso, ad esempio, delle banconote da mille lire che raffigurano Giuseppe Verdi. Oggi varrebbero 50 centesimi ma il loro valore storico è ben superiore. In perfette condizioni infatti, potrebbe arrivare addirittura a 700 euro.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> La banconota ineguagliabile: che spettacolo, ecco quanto vale

Certo, il fattore affettivo è decisamente più elevato. Quel pezzo di carta ci ricorda i tempi andati. E un pizzico di nostalgia ci assale ogni volta.