A chi spetta il bonus 1200 euro in busta paga? Quali sono i requisiti per poterlo ottenere? Tutti i dettagli riguardanti questo interessante ammortizzatore sociale

Bonus 1200 euro
Fonte Pixabay

L’attesa è giunta al termine, finalmente è in arrivo il bonus 1200 euro in busta paga. Naturalmente non riguarda tutti i lavoratori, ma una parte di essi. In pratica è una rielaborazione del bonus Renzi da 80 euro, trasformato in un bonus Irpef fino a 100 euro mensili. 

Ci sono però dei parametri da rispettare per poterlo ottenere, soprattutto di natura reddituale. Il beneficio viene riconosciuto direttamente in busta paga dal datore di lavoro (in qualità di sostituto di imposta) nei casi in cui questo possa essere elargito.

LEGGI ANCHE >>> Bonus Draghi in busta paga: ecco quanto vale la gradita sorpresa

Bonus 1200 euro in busta paga: chi può riceverlo?

In realtà si tratta di un bonus Irpef e il suo ammontare complessivo massimo è di 1200 euro annui. È necessario avere un reddito che non superi i 40.000 euro all’anno. Sopra questa soglia non è possibile ricevere lo sgravio.

Per chi invece è al di sotto della sopracitata soglia, esiste una tabella alla quale attenersi:

  • Redditi fino a 28.000 euro: bonus pieno da 100 euro al mese
  • Redditi compresi tra 28.001 euro fino a 35.000 euro: il sussidio oscilla tra 97 e 80 euro al mese,
  • Redditi tra 35.001 euro e 40.000 euro: da 80 a 0 euro mensili. 

Allo stesso tempo per il riconoscimento dell’ex bonus Renzi è indispensabile che il reddito non sia inferiore alla no tax area, ovvero al di sotto dei 8.174 euro. In pratica i contribuenti incapienti sono tagliati fuori da questa misura. Non possono avere il bonus nemmeno coloro che non sono lavoratori dipendenti e assimilati. 

LEGGI ANCHE >>> Bonus pc da 500 euro: c’è ancora tempo per richiedere il voucher ma non durerà per sempre

Essendo un trattamento integrativo al reddito, per chiedere e ottenere il bonus Irpef 2021 fino a 100 euro al mese non si deve presentare alcuna domanda. Insomma, la situazione è piuttosto chiara e se da un lato c’è chi gongola perché rientra nel sostegno, dall’altro c’è chi con rammarico ci sperava, ma purtroppo non può ottenerlo. Fortunatamente di questi tempi ci sono tante altre opportunità in tal senso pronte ad essere sfruttate.