Quello che le forze dell’ordine hanno scoperto ha dell’incredibile. Tecniche e metodi che nessuno si sarebbe aspettato.
Guardia di Finanza (Fonte foto: web)

Siamo a Caldiero provincia di Verona. Li un ristorante cinese, molto noto in zona è stato chiuso dalla Guardia di Finanza inseguito ad una serie di controlli che ne hanno di fatto reso assolutamente necessario il provvedimento. Il tutto ha avuto inizio con la segnalazione di un cliente, resosi conto di ciò che realmente accadeva nel ristorane in questione. L’uomo no ci ha pensato due volte e si è subito rivolto alle forze dell’ordine chiedendo un deciso intervento.

La Guardia di Finanza intervenuta insieme al nucleo antisofisticazioni di Padova e ai funzionari dell’Ulss9 hanno quindi provveduto ad avviare una serie di controlli che hanno confermato quanto di assurdo accadesse in quel luogo. Dipendenti non in regola, norme sanitarie non rispettate, cibi scaduti e soprattutto la cosa che più di tutte le altre ha sorpreso e sconvolto gli uomini protagonisti delle indagini di cui sopra.

LEGGI ANCHE >>> Scattano i controlli sui conti correnti: la Guardia di Finanza passa alle multe

I dipendenti tritavano i cavoli per gli involtini primavera in maniera del tutto originale

Cavoli pestati
Cavoli pestati scarpe

La cosa che più ha colpito le forze dell’ordine e i sanitari, però è stata quella di aver verificato al modalità di tritatura dei cavoli utilizzati per gli involtini primavera. Pestandoli, si, proprio cosi, i dipendenti del ristorante tritavano i cavoli pestandoli, con le suole delle scarpe. In piedi, all’interno degli appositi contenitori. In questo modo qui, fornivano il servizio per il quale la gente, la clientela solita, insomma, pagava. Ma non è finita qui.

Irregolarità di ogni tipo, dalla merce avariata, tenuta in modalità di conservazione pessime, alle norme sanitarie nemmeno mai prese in considerazione alla modalità di assunzioni dei dipendenti per niente osservante delle leggi in vigore nel nostro paese.

LEGGI ANCHE >>> Sophia Loren inaugura il suo ristorante a Firenze: occhio ai prezzi

La chiusura, insomma, è stata il minimo considerato tutto quello che avveniva in quel ristorante fino a pochi giorni fa e considerate le condizioni igieniche che in quel posto era solito riscontrare. Per non parlare della non messa in regola dei dipendenti, uno scempio vero e proprio.