Ritirati dagli scaffali due famose marche di creme solari. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

Fonte: Pixabay

Con l’arrivo dell’estate sono in tanti a non vedere l’ora di poter finalmente staccare la spina dai vari impegni della vita quotidiana e trascorrere dei momenti all’insegna del relax. Visto il momento storico attuale, caratterizzato dall’impatto del Covid, però, gli stessi vacanzieri dovranno fare i conti con importanti cambiamenti, a causa delle varie limitazioni, volte a contrastare la diffusione del virus.

Se tutto questo non bastasse è sempre è bene prestare attenzione alla protezione solare, che si rivela essere un valido alleato, in grado di proteggerci dai danni che potrebbe provocare un’esposizione prolungata al sole. A proposito di creme solari, però, non è tutto oro quel che luccica. Di recente, infatti, sono state ritirate ben due famose marche di creme solari, in quanto è stata rinvenuta la presenza di una sostanza cancerogena. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

LEGGI ANCHE >>> Pesto genovese ritirato dagli scaffali: non mangiatelo

Creme solari ritirate dagli scaffali: trovati agenti cancerogeni

Johnson & Johnson
Fonte Pixabay

Due famose marche di creme solari sono state richiamate da Johnson & Johnson negli Stati Uniti dopo che sono state rinvenuto al loro interno delle sostanze chimiche cancerogene. Si tratta di 5 prodotti di due noti marchi di creme solari, ovvero Neutrogena e Aveeno. Entrando nei dettagli le creme ritirate sono:

  • Neutrogena Beach Defense aerosol sunscreen;
  • Neutrogena Cool Dry Sport aerosol sunscreen;
  • Aveeno Protect + Refresh aerosol sunscreen;
  • Neutrogena Invisible Daily defense aerosol sunscreen,
  • Neutrogena Ultra Sheer aerosol sunscree.

Il motivo di questo ritiro è da rinvenire nel fatto che in alcuni campioni di queste creme sono state ritrovate delle tracce di benzene. Quest’ultima è una sostanza chimica cancerogena, che può mettere, a lungo andare, a rischio la nostra salute. Proprio per questo motivo l’azienda ha deciso di avviare un’indagine interna per cercare di capire come tale sostanza chimica abbia contaminato i propri prodotti, invitando allo stesso tempo le persone ad interrompere l’utilizzo di queste creme solari.

LEGGI ANCHE >>> Doppia truffa a nome Esselunga e Amazon: due anniversari inesistenti

Come si legge in una nota pubblicata sul sito ufficiale, infatti: “L’esposizione quotidiana al benzene in questi prodotti per la protezione solare spray ai livelli rilevati nei nostri test non dovrebbe causare conseguenze negative per la salute. Per un’abbondanza di cautela, stiamo richiamando tutti i lotti di questi prodotti specifici per la protezione solare spray“.