Dopo i trent’anni di Amazon, il nuovo messaggio sull’anniversario della catena di supermercati che ha fatto discutere.

Nuovo messaggio truffaldino scoperto da Bufale.net che racconta di un finto anniversario della catena di supermercati Esselunga.

Il testo del messaggio riguarderebbe la celebrazione del 70° anniversario, ma in realtà si è svelato essere una truffa.

Ovviamente il link che dovrebbe ricollegare ad una possibile vittoria di alcuni regali è falso e serve per svuotare il conto.

Qualche settimana fa un tentativo simile di truffa era scattato su un altro grande marchio.
Infatti molti messaggi sono arrivati a riguardo del colosso delle vendite online Amazon: alcuni utenti infatti si sarebbero visti recapitare dei messaggi di alcuni giveaway con scontistiche esagerate o addirittura regali su prodotti venduti dal colosso americano.

Chi conosce e segue bene anche la storia di Amazon saprà che la sua fondazione da parte del multimiliardario Jeff Bezos risale al 5 luglio 1994 a Washington, dunque già da questo piccolo dettaglio si potrebbe iniziare a sentire puzza di bruciato.

Alla fin fine la matematica non è un’opinione: dal 94′ ad oggi calcoliamo 26 anni, andando per il ventisettesimo… non 30!

Oltretutto la stessa azienda ha ufficialmente dichiarato di non aver messo in giro nessuna promozione relativa a prodotti in regalo o in sconto.

Il messaggio che viene inviato cita esattamente questo testo: “AMAZON.IT: Ciao, abbiamo cercato di contattarti per il tuo regalo. Per richiederlo segui questo link:…”.

Ovviamente il link al quale si viene poi rimandati è un sito esterno ad Amazon che non ha nulla a che fare con la promozione.

La dinamica poi della truffa avviene rapidamente: il link che viene aperto invita l’utente ha pagare una somma irrisoria per vedersi recapitare il regalo a casa, ma questo è il trucco per vedersi poi il conto prosciugato.

La landing page creata appositamente per far sembrare il tentativo di phishing reale è dunque un tocco da maestro e trae in inganno in molti che purtroppo cadono nel tranello del finto regalo e si ritrovano nei guai.