La Polizia Postale invita a prestare attenzione a un nuovo tentativo di truffa. Sembra, infatti, che stiano giungendo delle finte e-mail attraverso le quali dei malintenzionati cercano di rubare soldi al malcapitato di turno.

Acquisti online siti truffa
Fonte: Pixabay

A causa del coronavirus il governo ha deciso di adottare una serie di misure restrittive volte a contrastarne la diffusione. Un momento storico particolarmente complicato, che porta a dover fare i conti con delle nuove abitudini, come ad esempio un utilizzo, sempre più massiccio, di strumenti tecnologici attraverso i quali poter restare in contatto con amici e parenti, anche se fisicamente lontani. A partire dalle mail fino ad arrivare ai social, d’altronde, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

Lo sanno bene, purtroppo, anche alcuni malintenzionati che cercano di sfruttare tali strumenti per riuscire a raggiare il malcapitato di turno, estorcendo soldi e dati sensibili. Ne sono un chiaro esempio i vari tentativi di truffa che ogni giorno rischiano di colpire molti utenti, come ad esempio quella del codice a sei cifre di Whatsapp, oppure delle assicurazioni online inesistenti. Proprio in questo contesto vi parliamo di una nuova truffa che ha già fatto cadere nella trappola numerosi utenti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

LEGGI ANCHE >>> Poste, attenti alla truffa: con un click ha perso 6 mila euro

Polizia postale, attenti alla falsa mail: cosa c’è da sapere

Polizia postale (Fonte foto: web)

La Polizia Postale ha di recente pubblicato sul proprio sito un avviso attraverso il quale ha reso noto un nuovo tentativo di truffa che ha già fatto cadere nella trappola molti utenti. Tale raggiro si svolge attraverso l’invio di e-mail che sembrano provenire da un istituto bancario, salvo poi rivelarsi non essere realmente così. In questo caso il nome utilizzato è quello di Intesa San Paolo.

Attraverso tale comunicazione, quindi, il destinatario del messaggio viene invitato a cliccare su un link dove inserire le proprie credenziali di accesso ai servizi online della banca, con la scusa di dover effettuare un aggiornamento del sistema e migliorare la sicurezza del conto corrente. Proprio qui scatta la trappola. Una volta inseriti i propri dati, infatti, i truffatori possono agire indisturbati sul conto della vittima, rubando dei soldi.

Ma non solo, a far cadere nella trappola in molti è il fatto che nel messaggio viene spiegato che tale richiesta viene fatta in accordo con la Polizia Postale. Ovviamente, come è facile intuire, non è così, con la stessa Polizia Postale che invita a prestare la massima attenzione.

LEGGI ANCHE >>> Auto in vendita online, occhio alla truffa: così vi svuotano il conto

Ecco quindi di seguito la mail utilizzata dai truffatori a cui stare attenti: “Gentile cliente, siamo lieti di informarvi che abbiamo finalmente stretto una partnership con la Polizia Postale in risposta agli attacchi ai sistemi bancari degli ultimi anni. Il tuo account dovrebbe essere aggiornato il prima possibile per adottare misure di sicurezza per prevenire ulteriori usi impropri delle tue carte”.