Importanti novità in arrivo per tutti coloro alle prese con debiti pregressi con il Fisco, che a breve dovranno fare i conti con delle nuove scadenze fiscali. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Scadenze Fisco
Foto © AdobeStock

È trascorso ormai più di un anno da quando il Covid è entrato prepotentemente nelle nostre vite, portando con sé delle ripercussioni negative sia dal punto di vista delle relazioni sociali che economiche. Il governo ha optato per una serie di misure restrittive volte a contrastarne la diffusione. Limitazioni che hanno portato alla chiusura di molte attività lavorative, con sempre più famiglie alle prese con una difficile gestione del bilancio famigliare. Fronteggiare le varie spese risulta sempre più difficile, tanto che circa 830 mila genitori hanno rinunciato a curare i figli proprio a causa della crisi economica in corso.

Se tutto questo non bastasse la macchina amministrativa non si ferma mai, con molti che temono pertanto di dover fare i conti con alcuni debiti pregressi con il Fisco. A partire dall’Agenzia delle Entrate fino ad arrivare all’Inps, d’altronde, può capitare di ritrovarsi a dover fare i conti con vecchie imposte o cartelle non pagate. A tal proposito interesserà sapere che vi sono delle importanti novità per quanto riguarda le scadenze, con delle nuove date da rispettare. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Quattordicesima 2021 in arrivo, ma non per tutti: ecco chi non la prende

Debiti con il Fisco, occhio alle scadenze: tutto quello che c’è da sapere

Pace fiscale
Foto: Web

La commissione di Bilancio ha approvato un emendamento al Decreto Sostegni bis, in seguito al quale sono state delineate delle nuove scadenze da rispettare per saldare i propri debiti con il Fisco. In particolar tale emendamento prevede un nuovo calendario riguardante le scadenze per Rottamazione ter, ma anche Saldo e stralcio. Entrando nei dettagli, quelle con scadenza:

  • dal 28 febbraio al 31 marzo 2020 potranno essere pagate entro il 31 luglio 2021;
  • 31 maggio 2020 si potranno pagare entro il 31 agosto 2021;
  • 31 luglio 2020 si potranno pagare entro il 30 settembre 2021;
  • 30 novembre 2020 potranno essere pagate  entro il 31 ottobre 2021;
  • febbraio, marzo, maggio e luglio 2021, possono essere pagate entro il 30 novembre 2021.

LEGGI ANCHE >>> Lotta all’evasione: entro quanto tempo il Fisco può notificare un accertamento

Ma non solo, a partire dalla data di scadenza sono concessi cinque giorni di tolleranza per effettuare il pagamento. Una notizia che permette a molti di tirare finalmente un sospiro di sollievo.