Sono tanti, purtroppo, i genitori che per colpa della crisi causata dal Covid hanno dovuto rinunciare a curare i figli. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

crescere figlio in Italia
Fonte: Pixabay

Il Covid è entrato prepotentemente nelle nostre vite, portandoci a dover cambiare molte nostre abitudini. A partire dal distanziamento sociale, passando per l’utilizzo delle mascherine, fino ad arrivare alle varie limitazioni negli spostamenti, sono tante le cose a cui dover prestare continuamente attenzione. Se tutto questo non bastasse, ad aggravare la situazione, è il calo di fatturato che stanno registrando molte aziende.

Pesanti le ripercussioni per molte famiglie che si ritrovano pertanto a dover fare tutti i giorni i conti in tasca prima di poter comprare qualcosa, in modo tale da non aggravare sul budget famigliare. Un contesto particolarmente difficile, che spinge in molti a tagliare varie spese, tra cui purtroppo anche le cure per i propri figli. Un dato allarmante, che non può di certo passare inosservato.

LEGGI ANCHE >>> Covid, dal bonus baby sitter ai congedi: ecco quando arrivano gli aiuti alle famiglie

LEGGI ANCHE >>> Crescere un figlio fino ai 18 anni costa una fortuna: le cifre

Crisi Covid, 830 mila genitori hanno rinunciato a curare i figli: dati allarmanti

crescere figlio
Fonte: Pixabay

A causa del coronavirus molte famiglie si ritrovano a vivere un momento particolarmente difficile dal punto di vista sia sociale che economico. A fornire un quadro chiaro della situazione sono i dati di uno studio condotto da mUp Research e Norstat per Facile.it su un campione rappresentativo della popolazione nazionale. Grazie a questa indagine è stato evidenziato come nel periodo compreso tra marzo e dicembre 2020 circa 2,1 milioni di bambini e ragazzi si siano visti rimandare o annullare visite o esami medici.

Ma non solo, sempre nello stesso arco temporale, circa 2,7 milioni di genitori hanno deciso, per scelta o per necessità, di rinunciare a far fare delle visite mediche ai propri figli. Il 60% avrebbe preso tale decisione per paura che il figlio potesse ammalarsi di Covid. Il 31%, ovvero circa 830 mila genitori, invece, hanno dovuto rinunciare ad alcune prestazioni mediche per via delle difficoltà economiche causate proprio dall’impatto negativo del Covid sulle nostre vite. Dati senz’ombra di dubbio allarmanti, che non possono di certo passare inosservati e che mostrano come sia importante pensare a delle misure ad hoc per venire incontro alle esigenze delle famiglie maggiormente colpite dalla situazione.