Il Reddito di emergenza è in pagamento. L’INPS ha comunicato le tempistiche con cui i cittadini potranno ottenere l’importo spettante. 

Adobe Stock

Le famiglie destinatarie del Reddito di emergenza sono in attesa di conoscere le scadenze del pagamento per le quattro rate relative ai mesi di giugno, luglio, agosto e settembre 2021. Le domande possono essere inoltrate fino al 31 luglio 2021 ma quali sono le tempistiche delle erogazioni?

Leggi anche >>> Reddito di Emergenza: l’importo aumenta se si paga un affitto

Come inoltrare la domanda di Rem online

Inps
Web

Prima di poter ottenere l’importo spettante è necessario inviare domanda di Rem. L’inoltro è possibile grazie al servizio telematico presente sul portale Inps oppure usufruendo dell’aiuto dei patronati. I richiedenti sono le famiglie residenti in Italia con valore del reddito familiare mensile inferiore all’ammontare del Rem e con valore immobiliare inferiore a 10 mila euro (più 5 mila euro per ogni componente del nucleo e fino a 25 mila euro se presente un membro con disabilità). Inoltre, l’Isee dovrà essere inferiore a 15 mila euro e nessun componente dovrà ricevere altri aiuti in relazione al Covid 19.

Soddisfacendo tali requisiti la domanda verrà accolta e si potrà attendere il pagamento dell’importo del Reddito di Emergenza.

Leggi anche >>> Naspi niente proroga: disoccupati ridotti a puntare sul Reddito di Emergenza

Quando è previsto il pagamento del reddito di emergenza

AdobeStock

Le domande dovranno pervenire entro il 31 luglio per ricevere il pagamento nel mese di agosto 2021. L’INPS, infatti, dovrebbe pubblicare le disposizioni entro il 15 agosto 2021 secondo quanto riferito dal servizio twitter dell’ente. Una volta conosciuta la data del primo pagamento si dovrà ipotizzare un’attesa di quindici giorni prima di conoscere le date per i successivi versamenti.

Nel frattempo, i destinatari della misura possono costantemente monitorare la situazione del pagamento del Rem attraverso il Fascicolo previdenziale del cittadino. Si potrà visualizzare accedendo all’area personale sul portale ufficiale dell’INPS tramite le credenziali SPID (la richiesta dell’identità digitale è semplice e veloce), il PIN, la Carta Nazionale dei Servizi o la Carta di Identità Elettronica.

Ricordiamo che gli importi che verranno versati dipenderanno dalla composizione del nucleo familiare. Si inizia con una somma minima di 400 euro qualora il nucleo sia composto da un adulto fino ad arrivare all’importo massimo di 840 euro per una famiglia composta da tre adulti e due minori con un disabile grave.