Richiedere lo SPID tramite Poste Italiane è semplice e veloce. Basta una connessione ad internet, un pc, e qualche minuto del vostro tempo.

Web

Lo Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, sta assumendo una rilevanza sempre maggiore. Non solo consente di avere facile accesso a tanti servizi online della PA ma permette di scaricare il Green Pass Covid. Per ottenere l’identità digitale, ogni utente può scegliere tra diverse strade ma il percorso preferito dagli italiani è quello proposto da Poste Italiane.

Leggi anche >>> Spid, senza ti bloccano tutto: cosa c’è da sapere sul magico codice

Richiedere lo SPID con Poste Italiane, come fare

La procedura di richiesta dell’Identità Digitale con Poste Italiane è semplice e alla portata di tutti, anche degli utenti meno tecnologici. Con la guida che forniremo oggi, poi, sarà ancora più facile e potrete in poco tempo ottenere lo SPID per scaricare il Green Pass e viaggiare liberamente.

Il sistema proposta da Poste Italiane risulta gratuito e completo. Consente, infatti, di optare per tre diversi livelli di sicurezza in modo tale che ogni persona possa soddisfare le proprie esigenze. Per iniziare occorrerà semplicemente accendere il pc, collegarsi al portale ufficiale di Poste Italiane ed entrate nella sezione PosteID. L’indirizzo web di riferimento è www.posteid.poste.it.

La procedura passo dopo passo

Web

La pagina web di PosteID consente fin da subito di scegliere tra due opzioni, creare l’Identità Digitale oppure accedere all’area riservata se si è già in possesso dello SPID. Volendo ottenerlo basterà cliccare sulla voce “Registrati subito” per iniziare la procedura. A questo punto, l’utente potrà decidere quale strumento di identificazione preferisce tra il riconoscimento di persona, l’App Poste ID, un sms su cellulare certificato, il lettore banco posta, la Carta Nazionale dei Servizi, la firma digitale e il riconoscimento presso uno sportello pubblico.

La via più semplice è quella del riconoscimento di persona dato che la maggior parte delle altre strade comporta soluzioni tecnologiche che non tutti possiedono.

Leggi anche >>> Addio alle vecchie credenziali: Inail apre allo Spid, le date ufficiali

Il riconoscimento di persona, strumento pratico e veloce

Procedere optando per il riconoscimento di persona è la migliore soluzione, veloce e pratica. La procedura consta di due parti, una da svolgere online e l’altra presso un Ufficio Postale di libera scelta. Ricordiamo che è fondamentale avere a portata di mano un documento di identità in corso di validità, la tessera sanitaria, il numero di cellulare e l’indirizzo e-mail.

Dopo aver selezionato con il cursore il sistema di identificazione in questione occorrerà cliccare su “prosegui” per avviare la procedura. I primi dati da inserire sono quelli anagrafici, nome, cognome, sesso, data di nascita, nazione, luogo e provincia di nascita e codice fiscale. In questo modo il sistema verificherà l’identità e consentirà di procedere con la richiesta dello SPID. In seguito occorrerà caricare due file, il fronte della carta di identità e della tessera sanitaria e il retro degli stessi documenti. Attenzione alle dimensioni e al formato dei file, altrimenti non verranno caricati.

Leggi anche >>> Poste italiane, caccia all’opportunità: tutte le offerte di lavoro

Conclusione della richiesta

Al termine della procedura si riceverà una e-mail entro qualche ora in cui l’utente verrà informato che la richiesta è stata accettata e che ora potrà recarsi nell’ufficio postale per completare il riconoscimento. L’appuntamento dovrà essere preso tramite l’app di Poste Italiane scegliendo SPID come operazione da eseguire. Ricordiamo che sarà necessario mostrare all’incaricato dell’Ufficio Postale esattamente gli stessi documenti caricati in fase di registrazione.

Pochi click e un appuntamento alle Poste serviranno, dunque, per ottenere l’Identità Digitale. Volendo si potrà optare per uno strumento di identificazione differente. Selezionando le diverse possibilità nella pagina di PosteID si potranno conoscere i documenti e le condizioni per poter seguire le altre strade diverse dal riconoscimento di persona.