Un nuovo bonus, una nuova opportunità per tutti i cittadini italiani. Una nuova occasione per trarre vantaggio dagli aiuti statali.

Un nuovo bonus un nuovo sostegno attuato dal Governo come agevolazione per i cittadini, all’interno di una più ampia serie di iniziative per il 2021. Il tutto nasce dalla volontà del Governo di far diminuire il più possibile l’utilizzo della plastica nell’acquisto ad esempio dell’acqua. Fare in modo, quindi che il cittadini metta in pratica opere di miglioramento o ristrutturazione di un impianto che sfrutti la possibilità di produrre acqua del tutto potabile.

Il bonus è destinato a cittadini ed imprese. In questo caso è prevista una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto ed installazione di sistemi che siano idonei alla riduzione dei consumi idrici e del consumo della plastica. Il rimborso può avere fino a 5000 euro di valore  per le imprese e 1000 euro per i cittadini. Fine principale è quello di apportare modifiche e miglioramenti all’impianto idrico cosi da avere meno inefficienze ed avere la possibilità di godere della propria acqua di casa.

LEGGI ANCHE >>> Bonus Affitto, incredibile risparmio: ecco le condizioni che valgono oltre 2.000 euro

Bonus idrico, i miglioramenti che è possibile apportare ai nostri impianti

ll bonus che come detto verrà riconosciuto sotto forma di credito di imposta sarà rivolto ad imprese o singoli cittadini che vorranno migliorare o acquistare determinati sistemi idrici, che prevedono, tra le altre, le seguenti operazioni:

  • mineralizzare l’acqua
  • filtrare l’acqua
  • raffreddamento o aggiunta di anidride carbonica

La domanda per l’accesso al bonus in questione fa effettuata direttamente all’Agenzia delle Entrate e non ha bisogno di alcun Isee, quindi nessuna prerogativa o speciale requisito per accedere ad una serie di vantaggi aperti davvero a tutti.

LEGGI ANCHE >>> Digitale terrestre, senza questo perdi tutti i canali: come comprare un Tv nuovo con il Bonus

Il piano dei governi che si sono succeduti negli ultimi mesi è abbastanza chiaro, migliorare le condizioni di vita dei cittadini, agevolarle ed avere sempre un occhio vigile sul tema dell’ambiente. Combattere gli sprechi causati da consumi eccessivi dovuti ad esempio da un vecchio impianto, godere dei vantaggi di una nuova tecnologia o di un nuovo sistema, il tutto garantito dall’intervento dello Stato che provvede a coprire metà delle spese. Il massimo no?