Bollette in aumento, raffica di controlli dell’Agenzia delle Entrate in arrivo e chiusura degli sportelli bancomat: ecco tutti i temi caldi della settimana.

L’ultimo anno è stato segnato dall’impatto del Covid che continua ad avere ancora oggi delle ripercussioni negative, sia per quanto riguarda le reazioni sociali che economiche. Un contesto particolarmente complicato, che richiede l’intervento del governo attraverso misure ad hoc, come ad esempio quelle approvate con il Decreto Sostegni Bis. Affrontare le varie spese, purtroppo, risulta sempre più difficile.

Ad aggravare la situazione, inoltre, è l’aumento dei prezzi delle bollette, con lo Stato che interviene, fortunatamente, in nostro aiuto. Dall’altro canto la macchina amministrativa non si ferma mai, con il Fisco pronto ad effettuare una raffica di controlli. Se tutto questo non bastasse, molti correntisti sono sul piede di guerra, dopo la chiusura, a partire dal 1° luglio, degli sportelli bancomat presenti sul territorio. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

Bollette luce e gas ancora più care, ma c’è il bonus sociale

Arera ha confermato l’aumento dei prezzi delle bollette, pari al 9,9% per l’elettricità e al 15,3% per il gas. Rincari dovuti al rialzo delle materie prime energetiche, che sarebbero stati addirittura maggiori in assenza di un apposito intervento da parte del Governo. L’esecutivo, infatti, ha destinato 1,2 miliardi di euro per ridurre gli oneri generali di sistema, per i prossimi 90 giorni.

Ma non solo, in aiuto delle famiglie in difficoltà economica si annovera il bonus sociale automatico. Quest’ultimo, ricordiamo, consiste in pratica in uno sconto nella bolletta di luce e gas. Hanno diritto a tale misura le famiglie con Isee non superiore a 8.265 euro. In presenza di nuclei con più di tre figli, tale limite sale a 20 mila euro.

LEGGI ANCHE >>> Bollette in aumento: luce e gas ancora più care, ma lo Stato ci aiuta

Agenzia delle Entrate, controlli sulle dichiarazioni 2021

conto corrente
Controlli (Fonte foto: web)

Attraverso un apposito provvedimento l’Agenzia delle Entrate ha reso noto l’invio, a breve, di lettere di compliance concernenti la dichiarazione annuale Iva relativa all’anno di imposta 2020. Tali avvisi, pertanto, sono rivolti a professionisti e imprese che non hanno provveduto a inviare tale dichiarazione.

Nel mirino anche coloro che l’hanno presentata incompleta, non compilando il quadro VE. Le comunicazioni in questione verranno inviate al domicilio digitale dei soggetti interessati. Quest’ultimi, quindi, potranno regolarizzare la propria posizione tramite ravvedimento operoso.

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle Entrate, raffica di controlli in arrivo: chi finisce nel mirino

Bancomat addio: chiudono tutti gli sportelli ING

Come già annunciato, a partire dal 1° luglio ING ha chiuso i 62 sportelli bancomat del gruppo bancario presenti sul territorio nazionale. I clienti Ing, circa 1,3 milioni in Italia, quindi, possono prelevare solamente presso gli sportelli ATM degli altri istituti bancari.

LEGGI ANCHE >>> Bancomat addio: italiani rassegnati, dal 1 luglio cambia tutto

Come facilmente intuibile, quindi, i soggetti interessati si ritrovano nella situazione di dover necessariamente pagare una commissione per prelevare del denaro contante. Per versare assegni, invece, bisognerà inviarli tramite posta.