Un imprenditore friulano si è spacciato per povero per ottenere soldi da parte della regione. Dalle indagini è risultato essere in un possesso di diversi beni di assoluto valore 

soldi

Il denaro alle volte spinge le persone a compiere delle azioni davvero fuori da ogni logica. Stavolta però il limite è stato oltrepassato di parecchio visto che il personaggio in questione non versava in condizioni economiche disastrose.

Anzi, si tratta di un imprenditore che nonostante non ne avesse la necessità ha richiesto alla sua regione di residenza (Friuli Venezia Giulia) un bonus previsto ad integrazione del reddito in caso di difficoltà del nucleo familiare. Viene erogato in seguito ad un percorso concordato definito in collaborazione con i Servizi Sociali dei Comuni e i Centri per l’impiego. 

LEGGI ANCHE >>> Bonus Condizionatori: l’estate più fresca della vostra vita con una spesa piccola piccola

L’assurdo piano di un imprenditore per avere soldi dalla regione

Una sorta di precursore di quello che poi sarebbe stato il Reddito di Cittadinanza a livello nazionale (e anche in questi casi non sono mancati i “furbetti”). Tornado al caso specifico, le indagini delle Fiamme Gialle hanno appurato che l’imprenditore non aveva dichiarato la proprietà di alcune abitazioni e di diversi terreni. 

Per effetto di ciò è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per indebita percezione di sussidi ai danni dello Stato. Non è la prima volta che tenta un “colpo” del genere. Già in passato aveva era stato coinvolto in alcune questioni giudiziarie. Tra le varie cose, aveva provato a beneficiare del “patrocinio legale” sovvenzionato da enti statali.

LEGGI ANCHE >>> Busta paga, buone notizie in arrivo: più soldi per molti lavoratori

Il clou di questa vicenda è però relativo a delle somme di denaro confiscate in precedenza. Durante un’indagine per frode fiscale (di cui era accusato insieme al fratello), la sua abitazione era stato sottoposta a perquisizione domiciliare durante la quale erano stati ritrovati 2 milioni di euro in frigo. Non ha saputo dare nessuna spiegazione in merito, probabilmente voleva tenere il denaro in “fresco” prima dell’arrivo della stagione calda.