La procura di Genova sta indagando su diversi cittadini che sembrano aver beneficiato del Reddito di Cittadinanza senza avere i requisiti necessari per accedere al sussidio 

Reddito di Cittadinanza
Fonte Pixabay

Le falle nel sistema di richiesta del Reddito di Emergenza di certo non le si scoprono oggi. Il problema che adesso bisogna fare i conti con le conseguenze e purtroppo con gli “sprechi” di denaro elargito a chi non lo avrebbe meritato.

L’ultimo caso in ordine di tempo arriva da Genova, dove la Procura sta indagando su una potenziale maxi truffa riguardante dei cittadini stranieri che avrebbero percepito il bonus pur non avendo i requisiti necessari.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, occhio al rimborso: come funziona in caso di più affitti

Reddito di Cittadinanza a cittadini stranieri: che fine hanno fatto i soldi percepiti

Stando a quanto trapela dalle ricerche al momento sono stati accertati 500 casi percezione indebita del Reddito di Cittadinanza, ma non è da escludere che il numero possa crescere visto che il lavoro di inchiesta è ancora in corso. Altro particolare inquietante, è il forte sospetto che dietro a tutto ciò ci sia la direzione occulta di qualche centro di assistenza fiscale della città.

Inoltre va aggiunto che le risorse percepite sono state inviate all’estero. Oltre al danno anche la beffa visto che il denaro erogato ingiustamente non avrà effetti benefici sull’economia italiana. Anzi, è un ammanco a tutti gli effetti.

In generale però i furbetti del Reddito di Cittadinanza non hanno bandiere e colori, possono essere in ogni dove e ormai da due anni (ovvero da quando è stato istituito questo ammortizzatore sociale) fanno i loro comodi. A spianargli la strada è un sistema di controllo a posteriori che non sta dando i frutti sperati. 

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza a ricchi e camorristi: scoperchiato il Vaso di Pandora

Al momento della richiesta infatti viene compilata un’autocertificazione che di fatto può essere menzognera. Gli accertamenti avvengono solo in un secondo momento e in alcuni casi non è così semplice. Ancor più difficile è riscuotere il credito una volta appurata l’avvenuto l’inganno. Dunque, per poter proseguire con il RDC nella giusta direzione e accordarlo a chi ne ha veramente bisogno, va rivisto assolutamente il sistema di verifica.