Brutte notizie in arrivo per molti correntisti che dovranno fare i conti con dei prelievi forzosi. Ecco cosa sta succedendo.

patrimoniale
Fonte: Pixabay

Il 2020 è stato segnato dall’impatto del Covid che ha portato con sé delle ripercussioni negative, sia per quanto riguarda l’aspetto sociale che economico. Molte famiglie, purtroppo, si ritrovano a dover fare i conti con una grave crisi finanziaria, tanto da portare, ad esempio, circa 830 mila genitori a rinunciare a curare i figli, proprio per non incidere ulteriormente sul bilancio famigliare.

Un momento storico particolarmente complicato, che porta sempre più persone a volgere un occhio di riguardo al risparmio, in modo tale da avere sempre qualche euro a disposizione a cui attingere. Sempre più soldi, pertanto, vengono lasciati sul conto corrente, finendo così per essere spesso erosi da tasse e costi di vario tipo. Lo sanno bene alcuni correntisti che a breve si ritroveranno a dover fare i conti con un prelievo forzoso, che può essere tuttavia evitato. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente in rosso, attenti alla batosta: cosa si rischia

Conti correnti, scattano i prelievi forzosi: come evitare di pagare l’imposta di bollo

Conto corrente default

Il mese di giugno porta con sé la tanto temuta imposta di bollo sui conti correnti. Si tratta, in pratica, di un prelievo forzoso pari a 34,20 euro all’anno per le persone fisiche e 100 euro per le persone giuridiche. Quest’ultima viene applicata in presenza di una giacenza media superiore a 5 mila euro. È facile intuire, quindi, che in presenza di importi inferiori non verrà applicata tale imposta.

Ma non solo, sono esonerati dall’imposta di bollo anche coloro che presentano un Isee inferiore a 7.500 euro, a patto che abbiano provveduto a presentare apposita richiesta alla banca entro il 31 maggio. In alternativa è possibile attivare un conto corrente, la cui banca decide di farsi carico dell’imposta di bollo.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente, come investire e far fruttare i propri soldi: le occasioni da non perdere

Ne sono un chiaro esempio alcuni conti correnti online con imposta di bollo gratuita, che permettono di risparmiare un bel po’ di soldi. A tal proposito si annoverano le offerte di N26, Crédit Agricole e Tinaba. La giusta soluzione per chi vuole conservare i propri soldi sul conto corrente, evitando di dover fare i conti con il tanto temuto prelievo forzoso.