Scopriamo insieme il calendario scolastico 2021/2022 andando a scrutare le date per ogni singola regione da nord a sud dell’Italia

A quanto ammonterà la buoniscita, per l'insegnante in pensione INPS
Banchi di scuola (Fonte foto: web)

Appena il tempo di archiviare l’anno scolastico 2020/2021 è già tempo di pensare al prossimo. Diverse regioni infatti hanno già deliberato il calendari scolastici in vista del 2021/2022, mentre altre lo faranno nelle prossime settimane.

In base alle direttive già disponibili, andiamo a vedere in quali regioni le attività didattiche riprenderanno prima e in quali dopo. Come di consueto in alcune aree del nord Italia si inizia prima, mentre al Sud si tende a posticipare a causa del caldo che si protrae anche nei primi giorni di settembre.

LEGGI ANCHE >>> Scuola, esami: quanto guadagna un presidente di commissione

Calendario scolastico 2021/2022: le aperture regione per regione

Ad aprire le “danze” è la provincia autonoma di Bolzano, dove si ritornerà tra i banchi di scuola già a partire dal 6 settembre 2021. Di seguito, ecco le altre regioni:

  • 13 settembre 2021: Trento, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Lazio e Veneto ( in questo caso solo scuole elementari e medie),
  • 15 settembre 2021: Campania, Toscana.
  • 16 settembre 2021: Friuli Venezia Giulia e Veneto (scuole superiori)
  • 20 settembre 2021: Calabria, Puglia.

Ancora non sono note le condizioni di frequenza. Si dovrebbe iniziare in presenza per poi procedere in base all’andamento dei contagi. In qualsiasi caso le lezioni termineranno tra l’8 giugno 2022 e il 16 giugno 2022. 

Ci sono alcune eccezioni dovute ad istituti ‘infanzia privati e paritari che potrebbero andare avanti anche fino al 30 giugno 2022. Naturalmente sono previste le classiche soste per le festività natalizie e pasquali. In alcune regioni ci si fermerà anche per il Carnevale anche a seconda dei posti che hanno una tradizione più importante in tal senso.

LEGGI ANCHE >>> Scuole chiuse, scatta il congedo parentale: ecco chi può richiederlo

Si attendo le regioni mancati in modo da avere un quadro ben delineato della situazione, che pare stia tornando man mano alla normalità.