Buone notizie per molti contribuenti che non dovranno fare i conti, per quest’anno, con i controlli dell’Agenzia delle Entrate. Una situazione che coinvolgerà tante persone, ma non tutti. Ecco cosa sta succedendo.

Controlli del Fisco (Fonte foto: web)

Il Covid è entrato prepotentemente nelle nostre esistenze, portando con sé delle gravi ripercussioni sia dal punto di vista sociale che economico. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, sono state adottate una serie di misure restrittive in seguito alle quali molti imprenditori hanno dovuto abbassare le saracinesche delle proprie attività. Una situazione che vede sempre più persone alle prese con una difficile gestione delle finanze famigliari.

Da qui la decisione del governo di adottare delle misure a sostegno delle categorie maggiormente colpite, come ad esempio i contributi a fondo perduto previsti nel Decreto Sostegni Bis. Ma non solo, proprio in un contesto particolarmente complicato come quello attuale, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate quasi azzereranno i controlli nel 2021. Una decisione volta a venire incontro a molti, ma non a tutti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

LEGGI ANCHE >>>  Conto corrente, quanti soldi è possibile tenere sul conto senza rischi: cosa c’è da sapere

Agenzia delle Entrate, controlli azzerati ma non per tutti: cosa c’è da  sapere

Kugelschreiber Münzen auf Tabelle

Il 2020 è stato segnato dal Covid che, purtroppo, continua ancora oggi ad avere delle ripercussioni sulle nostre vite. Da qui la decisione di non aggravare ulteriormente sulle tasche dei contribuenti, cercando, invece, di venire incontro alle loro esigenze. A tal fine, nel 2021, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate si limiteranno al controllo degli atti in scadenza.

Si prevede, così, un calo di accertamenti e verifiche tra il 70 e il 75% a seconda delle zone. Una scelta dovuta al fatto che molti contribuenti risultino, purtroppo, ancora alle prese con una grave difficoltà economica a causa dell’impatto del Covid. Ma non solo, tra i motivi alla base di questa decisione, la volontà di rivolgere l’attenzione ad altre attività, quali l’erogazione di rimborsi fiscali e sostegni.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, anche i furbetti hanno le loro ragioni: “1500 euro regalati non sono pochi”

Una notizia indubbiamente importante, che permetterà a molti di tirare un sospiro di sollievo. Non tutti, però, verranno esonerati dai controlli. Come si evince dall’ordinanza n. 107596/2021, infatti, la Corte ha stabilito che l’Agenzia delle Entrate può accertare ricavi in nero anche basandosi su altri fattori. Tra questi si annovera, ad esempio, il confronto con i professionisti della zona se le parcelle sono troppo basse. Ma non solo, grazie alla banca dati, l’ente può ottenere informazioni utili per effettuare controlli mirati. Un 2021, quindi, che porta con sé delle importanti novità, con controlli quasi azzerati, ma non per tutti