Whatsapp, la trappola è dietro l’angolo col finto aggiornamento

Attenti ai messaggi che vi arrivano su Whatsapp. Da alcune settimane, infatti, circola un falso aggiornamento a cui bisogna prestare molta attenzione.

WhatsApp foto profilo
Foto: Web

Al fine di limitare la diffusione del coronavirus ci viene chiesto di prestare attenzione a vari accorgimenti, come ad esempio l’utilizzo delle mascherine e il distanziamento sociale. Un contesto particolarmente complicato, che sembra aver contribuito a registrare un utilizzo sempre più massiccio dei vari strumenti tecnologi, come ad esempio smartphone e pc. Proprio grazie a questi dispositivi, d’altronde, è possibile restare in contatto con amici e parenti anche se fisicamente lontani. A partire dalle e-mail fino ad arrivare alle app di messaggistica istantanea, in effetti, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

Allo stesso tempo, purtroppo, questi servizi finiscono anche nel mirino di alcuni malintenzionati, che cercano di estorcere del denaro al malcapitato di turno attraverso delle truffe. Ne sono una chiara dimostrazione la truffa delle assicurazioni online inesistenti, oppure del finto buono Ikea da 250 euro. Se tutto questo non bastasse, di recente circolano su Whatsapp dei messaggi con dei finti aggiornamenti, che hanno già fatto cadere nella trappola molti utenti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

Whatsapp, attenti al finto aggiornamento: nuovo tentativo di truffa

whatsapp

Qualche settimana fa sono entrate in vigore le nuove norme sui termini di servizio di Whatsapp. Proprio queste ultime sono finite di recente nel mirino di alcuni malintenzionati, che stanno cercando di sfruttare tale novità per poter raggirare i malcapitati di turno. Molti utenti, infatti, si sono visti recapitare un messaggio che informa del fatto che l’app non può essere aggiornata e che risulta necessario verificare che sia in uso per continuare a utilizzarla.

A tal fine si informa che verrà inviato sul cellulare un codice di verifica a sei cifre che dovrà essere condiviso. Poco dopo, quindi, si riceve un sms con un codice per confermare il proprio account. Nel caso in cui si invii il codice ricevuto, ecco che scatta la trappola. Il truffatore, infatti, entra in questo modo in possesso dell’account del malcapitato di turno, riuscendo così ad accedere alle varie informazioni in esso contenute. Ma come è possibile?

Ebbene, per attuare questa truffa il criminale richiede l’accesso all’account della vittima da un altro dispositivo. Per poterlo confermare ha però bisogno del codice di verifica che viene inviato sul dispositivo dell’effettivo titolare dell’account. Una volta che quest’ultimo condivide il codice, ecco che il truffatore può facilmente entrare nelle chat e inviare messaggi ai vari contatti. Poco dopo, quindi, la vittima del raggiro riceve un messaggio attraverso il quale viene informato del fatto che il proprio account non è più collegato al dispositivo.

LEGGI ANCHE >>> Come scoprire se la nostra mail è stata violata: cosa c’è da sapere

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se tutto questo non bastasse, quando si cerca di autenticarsi di nuovo, bisogna attendere almeno 6 ore prima di entrare in possesso del proprio profilo. Un arco di tempo più che sufficiente al truffatore per riuscire ad inviare, ad esempio, dei messaggi ai gruppi e contatti, chiedendo dei soldi a nome della vittima. Credendo che si tratti realmente di una persona di propria conoscenza, sono molti i contatti che, a loro volta, cadono nella trappola. Una truffa studiata fin nei minimi particolari e a cui si invita di prestare la massima attenzione.