Fisco, fine mese di fuoco: occhio alle scadenze fiscali di giugno

Tanti gli appuntamenti con il Fisco nelle ultime due settimane di giugno, con i contribuenti pronti a dover fare i conti con 14 giorni di fuoco dal punto di vista dei pagamenti e scadenze da rispettare.

Pixabay

L’ultimo anno è stato segnato dall’impatto del Covid che continua, ancora oggi, ad avere delle ripercussioni negative sulle nostre vite sia dal punto di vista sociale che economico. Molte le famiglie alle prese con delle minori entrate, tanto da ritrovarsi a dover fare continuamente i conti in tasca prima di comprare qualcosa, onde evitare di incidere ulteriormente sul bilancio famigliare. Da qui la necessità di interventi mirati da parte del governo, come ad esempio le misure approvate con il recente Decreto Sostegni Bis.

Dall’altro canto la macchina amministrativa non si ferma mai, con molti contribuenti che dovranno fare i conti con le varie scadenze fiscali. Molti, in effetti, sono gli appuntamenti con l’Agenzia delle Entrate, previsti per il fine mese di giugno. A partire dal canone TV fino ad arrivare alla cosiddetta tassa etica, sono davvero tanti gli adempimenti da rispettare. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Covid, tra contagi e futuro incerto: 6 milioni di italiani “hanno paura di tutto”

Fisco, occhio alle scadenze di fine giugno: tutto quello che c’è da sapere

Pixabay

Stando a quanto è possibile evincere dallo Scadenzario Fiscale di giugno, disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, sono davvero tante le scadenze fiscali a cui dover prestare attenzione nelle ultime due settimane del mese.  In particolare sono 144 gli adempimenti da rispettare, di cui 62 sono stati concentrati nella giornata del 16 giugno. Molte altre, comunque, sono le scadenze previste negli ultimi 10 giorni del mese. Tra queste si annoverano:

  • 21 giugno, bisogna presentare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone Tv addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente;
  • 25 giugno, termine ultimo per la presentazione INTRASTAT, inerente le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese a maggio;
  • 30 giugno, ben 78 le scadenze previste, tra cui:
    • dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto, che va presentata in formato cartaceo;
    • scelta per la destinazione dell’otto per mille, cinque per mille e due per mille dell’Irpef con il pagamento, in un’unica soluzione o come prima rata, dell’acconto dell’imposta pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata;
    • versamento della cosiddetta tassa etica per i soggetti Ires;
    • primo acconto 2021 e saldo Irap.

LEGGI ANCHE >> Conto corrente, stangata in arrivo: torna lo spettro della patrimoniale al 10%

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tanti, quindi, gli appuntamenti con il Fisco previsti nelle ultime due settimane di giugno e che non possono essere di certo trascurati. Per questo si invita a tenere d’occhio lo scadenzario proposto dall’Agenzia delle Entrate, onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti