Ikea: che danno ai suoi dipendenti, maxi multa in arrivo per l’azienda

Ikea è stata multata in seguito a dei comportamenti non propriamente corretti nei confronti di alcuni suoi dipendenti. Ecco cosa è successo nello specifico

ikea buono

Ogni azienda commette degli errori. Se a farlo però sono quelle di un certo spessore, la questione balza ancor di più all’occhio. A finire sotto l’occhio del ciclone stavolta è Ikea, multinazionale svedese specializzata nella vendita di mobili.

In particolar modo è stata Ikea France ha far parlare di sé. Il distaccamento transalpino è stato condannato dal tribunale di Versailles a pagare una maxi multa da 1 milione di euro. A riportare la notizia in Italia è stata l’agenzia Ansa, che ha ripreso i colleghi di Le Monde che hanno portato alla luce un caso che nel giro di poco tempo ha fatto il giro del mondo.

LEGGI ANCHE >>> Ikea ritira prodotti dagli scaffali: troppo pericolosi

Ikea: ecco lo spiacevole motivo che ha portato alla maxi multa

Il tutto è frutto dell’azione di spionaggio ai danni di centinaia di dipendenti avvenuta tra il 2009 e il 2012. L’accusa è di ricettazione di dati personali in modo fraudolento. La situazione sarebbe potuta essere ancor peggiore qualora fosse stata riconosciuta anche l’accusa di sorveglianza di massa.

Tra i soggetti condannati ci sono anche Jean Louis Baillot, ex amministratore delegato di Ikea France, agenti di polizia e manager di un’azienda di investigazioni private. La maggior parte di loro ha preferito scaricare la colpa sugli altri, mentre Jean-Francois Paris (condannato a 18 mesi di carcere) all’epoca dirigente responsabile della gestione del rischio, ha ammesso lo stanziamento di una cifra compresa tra i 500 e i 600mila euro all’anno per compiere le indagini illecite. 

LEGGI ANCHE >>> Buono Ikea: con un click vi svuotano il conto, attenzione alla truffa

Si chiude così un cerchio apertosi nel 2012 quando un’inchiesta giornalistica svelò un sistema di monitoraggio messo in piedi da Ikea France nei confronti di dipendenti e clienti grazie a dati personali reperiti in maniera illegale dal database della polizia.  

Impostazioni privacy