Cosa cambia per matrimoni, cresime, battesimi e comunioni da oggi: finalmente un barlume di normalità per il futuro

Sala pronta per un matrimonio (Fonte foto: web)

Oggi, 15 giugno, riparte tutta la catena inerente le funzioni religiose. Si torna quindi, a celebrare comunioni, cresime, battesimi ed anche matrimoni. Come si sa, sta cambiando anche la mappatura di zone bianche, gialle ed anche gli orari del coprifuoco.

Ma tutto non sarà ancora come prima: l’OMS chiede ancora attenzione e pazienza, ed allora, occhio alle regole. Tavoli distanziati e mascherine d’obbligo. Per poter entrare al ristorante, necessari praticamente i requisiti della Green Pass, ovvero: vaccino ottenuto, oppure un tampone negativo.

Leggi anche>>> Supermercati, quando le truffe si travestono da marketing: come evitarle

Via ai matrimoni da oggi: cosa c’è da sapere

Il comunicato, inerente i festeggiamenti di tutti i tipi di cerimonie che siano civili e religiose, tra l’altro lauree comprese, recita: “dal 15 giugno saranno possibili, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, tramite uso della “certificazione verde”. Restano sospese le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso”.

Anche se adesso è possibile consumare tranquillamente anche nei tavoli interni, c’è però bisogno di rispettare almeno due regole. Se in zona bianca infatti, il massimo di persone sedute ad un tavolo è di 6. In zona gialla invece, sarà di 4 persone. Una notizia buona finalmente per i ristoranti, settore che è stato costretto quasi a morire, a causa di diverse tappe. Visto che per ora alcune regioni restano in zona gialla, da ricordare che il ristorante va lasciato prima della mezzanotte. Dal 21 poi, non sarà più così.

Leggi anche>>> Attenzione: i messaggi eliminati su Whatsapp si possono leggere lo stesso

Per quanto riguarda le cerimonie da tenersi in chiesa, alcune regole vigono ancora, proprio perché la pandemia non si può dire sconfitta al 100%. Via quindi al numero indicato di persone partecipanti alla cerimonia, che all’interno dell’impianto indosseranno la mascherina ed osserveranno il distanziamento di un metro.